Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Lanciata iniziativa per un’Iva più «giusta»


La Federazione degli esercenti ed albergatori (Gastrosuisse) ha dato avvio lunedì alla raccolta di firme per l’iniziativa che chiede un tasso Iva agevolato per il settore della ristorazione.

2000 cuochi - stando agli organizzatori - hanno invaso lunedì mattina la Piazza federale per dare avvio alla raccolta delle firme per l’iniziativa popolare «Basta con Iva discriminatoria per la ristorazione!» con la quale Gastrosuisse vuole che le prestazioni nel settore alberghiero e della ristorazione siano tassate come le bevande non alcoliche e i prodotti alimentari venduti nel commercio al dettaglio.

Con i divieti in materia di fumo, di macchinette mangiasoldi, di ombrelloni
riscaldanti «siamo l'unico settore a fare le spese delle tendenze della società», ha affermato il direttore della federazione Anton Schmutz. «In un locale pubblico, una pizza è sottoposta a un tasso Iva del 7,6 percento, in un “take-away o in un negozio di alimentari viene richiesto invece soltanto il 2,4 percento».

Con l’iniziativa, Gastrosuisse intende mettere sotto pressione il governo elvetico, occupatosi già in precedenza di una riforma della legislazione sull’Iva.

Nel 2005, la Camera alta (Consiglio degli Stati) si era pronunciata a favore di una mozione favorevole alla riduzione dell'aliquota Iva del senatore del canton Obvaldo Hans Hess (PLR). Il Consiglio nazionale non se ne era invece occupato.

Nel frattempo, il Consiglio federale ha presentato un progetto per un tasso Iva unico del 6,1 percento. Tuttavia, dal momento che quest'ultimo era molto contestato, il governo ha deciso di apportare in un primo tempo solo alcune correzioni amministrative.

swissinfo.ch e agenzie



Link

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×