Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Libera circolazione


Freno all'immigrazione: i cantoni vogliono poter dire la loro


La Svizzera potrebbe applicare il freno all'immigrazione deciso dal popolo svizzero il 9 febbraio 2014 in funzione dei settori economici o delle regioni.  (KEYSTONE/Ennio Leanza)

La Svizzera potrebbe applicare il freno all'immigrazione deciso dal popolo svizzero il 9 febbraio 2014 in funzione dei settori economici o delle regioni. 

(KEYSTONE/Ennio Leanza)


I cantoni vogliono poter gestire in modo autonomo l’immigrazione, con una clausola di salvaguardia da attivare a seconda dei bisogni delle regioni e dei settori economici. Riuniti giovedì a Berna, i rappresentanti della Conferenza dei governi cantonali (CdC) si sono detti favorevoli a un modello “bottom-up” per l’applicazione dell’iniziativa “contro l’immigrazione di massa”. Questa proposta, elaborata su richiesta del Ticino, è considerata compatibile con gli accordi sulla libera circolazione delle persone.

A due anni dall’approvazione dell’iniziativa “contro l’immigrazione di massa”, lanciata dall’Unione democratica di centro (UDC, destra conservatrice), la Svizzera è ancora alla ricerca di un modello per applicare la volontà popolare senza violare gli accordi con Bruxelles.

Tra le varie proposte sul tavolo vi è anche quella elaborata dall'ex Segretario di Stato Michael Ambühl, professore al Politecnico federale di Zurigo. Basata su un modello “bottom-up”, prevede la possibilità di limitare temporaneamente l’immigrazione in quei settori o in quei cantoni in cui gli impieghi o i salari sono messi sotto pressione da un afflusso importante di lavoratori stranieri, superiore alla media europea.

I datori di lavoro dovrebbero in questo caso privilegiare la manodopera indigena. Queste misure sarebbero applicate a livello locale e spetterebbe poi al Consiglio federale decidere se estenderle a tutto il paese.

"Si tratta di una proposta pragmatica e rispettosa del federalismo", hanno precisato giovedì in una conferenza stampa i rappresentanti della Conferenza dei governi cantonali.

L'impatto della libera circolazione sul mondo del lavoro è molto diverso da cantone e cantone, non solo a causa della prossimità alla frontiera, ma anche per le specificità del tessuto economico locale. "Il modello bottom-up permette di tener conto di queste disparità", ha affermato dal canto suo Benedikt Würth, responsabile delle finanze del canton San Gallo.

La proposta ha però già suscitato critiche da parte italiana. Secondo un’informazione del quotidiano Tages-Anzeiger, Paolo Gentiloni ha fatto sapere che la Penisola non accetterà che l’immigrazione sia regolamentata in modo diverso a seconda delle regioni. 

swissinfo.ch, ATS e RSI (TG 3.7.2016)

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×