Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Nucleare iraniano


L'apertura di Teheran confermata a Ginevra


Di Frédéric Burnand, Ginevra


A Ginevra il ministro iraniano Mohammad Javad Zarif ha confermato la volontà di Teheran di risolvere la vertenza nucleare e normalizzare le relazioni con il resto del mondo (Keystone)

A Ginevra il ministro iraniano Mohammad Javad Zarif ha confermato la volontà di Teheran di risolvere la vertenza nucleare e normalizzare le relazioni con il resto del mondo

(Keystone)

Dopo 10 anni di trattative a singhiozzo, i negoziati multilaterali sul nucleare iraniano iniziano a sbloccarsi. Per il professor Mohamed-Reza Djalili, è in ogni caso il segnale lanciato al termine della riunione di questa settimana a Ginevra.

Si tratta di una prima nella vertenza nucleare iraniana: i capi della diplomazia di Teheran e di Bruxelles hanno sottoscritto una dichiarazione congiunta. Pubblicato al termine della conferenza che ha riunito, il 15 e il 16 ottobre presso il Palazzo delle Nazioni a Ginevra, i rappresentanti iraniani, i cinque membri del Consiglio di Sicurezza e la Germania (E3 +3), il testo è firmato da Catherine Ashton, alta rappresentante dell'Unione europea per gli affari esteri, e dal ministro degli esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif .

"Sulla base del clima positivo della prima riunione ministeriale tenutasi a New York il 26 settembre, il ministro degli affari esteri della Repubblica islamica dell'Iran ha presentato le linee principali di un piano come base per i negoziati. Una proposta che è considerata dagli E3 + 3 un importante contributo e che è attentamente esaminata", si precisa nella nota.

Il comunicato menziona anche una nuova riunione a Ginevra il 7 e 8 novembre prossimi. Il nuovo round sarà preceduto da incontri tecnici, tra esperti di nucleare e di sanzioni.

Apertura iraniana

15 giugno 2013 - Hassan Rohani è eletto alla presidenza iraniana, succedendo a Mahmoud Ahmadinejad. Due giorni dopo , durante la prima conferenza stampa da presidente eletto, annuncia che l'Iran è disposto a maggiore trasparenza in materia nucleare e a migliorare le relazioni con gli Stati Uniti e il resto del mondo. Ribadisce però il suo diritto di arricchire l'uranio.

28 agosto – Nel rapporto trimestrale, l'AIEA sottolinea che l'Iran ha ampliato le sue capacità di arricchimento dell'uranio, ma ritiene che con 186 kg di uranio arricchito al 20%, rimanga al di sotto dei 240-250 kg considerati necessari, dopo ulteriore arricchimento, per produrre una bomba.

27 settembre - Barack Obama e Hassan Rohani si parlano telefonicamente, una prima dalla rottura delle relazioni diplomatiche tra i due paesi durante la crisi degli ostaggi all'ambasciata americana a Teheran nel 1980. Il presidente degli Stati Uniti parla di "un'opportunità unica" per fare progressi sulla questione nucleare.

Mohamed-Reza Djalili, professore emerito all'Istituto di alti studi internazionali e dello sviluppo a Ginevra analizza questi primi risultati.

swissinfo.ch: I negoziati svoltisi a Ginevra hanno portato a una dichiarazione congiunta. È una prima in questo dossier. È il segno di una svolta?

Mohamed-Reza Djalili: Con il vento di ottimismo che soffiava negli ultimi due giorni a Ginevra, ci si aspettavano notevoli progressi. Ciò che non è propriamente il caso. Ma il fatto che sia stata firmata una dichiarazione congiunta e che sia stato programmato un nuovo incontro porta ad essere fiduciosi.

swissinfo.ch: La dichiarazione congiunta cita anche incontri tra gli esperti di questioni nucleari e di sanzioni prima della prossima riunione. È un pegno di serietà?

M.-R. D.: È molto positivo. L'incontro di Ginevra inizia a ricostruire una fiducia reciproca tra l'Iran e gli altri sei Stati. I tecnici dedicheranno le prossime tre settimane alla preparazione del nuovo incontro, che potrebbe portare a proposte più precise. I diplomatici avranno il tempo di concordare con i rispettivi governi le risposte alle proposte iraniane. Elementi che non conosciamo, dato che i partecipanti hanno deciso di tenerli segrete.

swissinfo.ch: L'Iran cerca, come in passato, di guadagnare tempo?

M.-R. D.: Se fosse il caso, la prossima riunione sarebbe stata messa in calendario tra sei mesi. No, non è il caso, perché il presidente Rohani ha molta fretta. La situazione economica è catastrofica. E lui è stato eletto proprio per raddrizzarla. Tutti gli ultra che si oppongono al nuovo presidente iraniano –e sono molti – non aspettano altro che l'occasione per contrastarlo. Anche la Guida della rivoluzione ha esitato ad avviare queste discussioni. Il presidente Rohani ha dunque più premura degli altri sei governi coinvolti nei negoziati.

swissinfo.ch: La revoca, anche solo parziale, delle sanzioni contro l'Iran pesa quindi di più delle capacità nucleari di Teheran?

M.-R. D.: Certamente. Rohani cerca di ottenere una normalizzazione delle relazioni con l'Occidente, per poter finanziare il rilancio dell'economia iraniana. Se si avanza velocemente sulla questione nucleare, sarà possibile revocare alcune sanzioni, come quelle che toccano il settore bancario iraniano. Ciò costituirebbe una boccata d'ossigeno per l'economia iraniana.

Svizzera-Iran

Il ministro degli affari esteri svizzero Didier Burkhalter ha incontrato, mercoledì a Ginevra, l'omologo iraniano Mohammad Javad Zarif . I due hanno discusso lo stato di avanzamento dei colloqui sulla questione nucleare iraniana.

Il colloquio ha avuto luogo a margine di colloqui tra l'UE , i sei (Germania, Cina , Stati Uniti , Francia, Regno Unito , Russia) e l'Iran a Ginevra. Era focalizzato su tre punti principali , ha precisato il Dipartimento federale degli affari esteri ( DFAE).

I due ministri hanno parlato dell'avanzamento dei lavori riguardanti il nucleare iraniano e le "tappe future del processo". Il capo della diplomazia elvetica ha discusso con l'omologo iraniano nello stato delle relazioni bilaterali tra Berna e Teheran, come pure di questioni relative al mandato di protezione degli interessi americani in Iran.

swissinfo.ch: Se i negoziati in corso procedono positivamente, si apriranno nuove prospettive per l'intero Medio Oriente, che è sotto tensione con la guerra in Siria?

M.-R. D.: Certo. Questo consentirebbe di prendere meglio in considerazione la politica regionale dell'Iran. Ciò potrebbe incidere sulla questione siriana. Questo potrebbe anche portare a un riavvicinamento tra Riyadh e Teheran, allorché c'è una sorta di guerra fredda tra l'Arabia Saudita e l'Iran. Un riavvicinamento che permetterebbe di attenuare le tensioni tra l'asse sunnita e l'arco sciita. Ciò avrebbe enormi conseguenze per la regione.

L'Iran è un paese molto stabile rispetto ai suoi vicini, quali l'Iraq , la Siria, il Pakistan, l'Afghanistan. Le tensioni che agitano tutta la regione da tre anni potrebbero così allentarsi.

swissinfo.ch: Quali sono gli interessi della Russia in questo dossier?

M.-R. D.: I negoziati iniziati a Ginevra sono positivi anche per la Russia, che applica le sanzioni contro l'Iran, pur restando al suo fianco diplomaticamente. I russi si mostrano abbastanza flessibili nei negoziati, molto più della Francia che assume posizioni piuttosto dure rispetto agli altri paesi europei.

swissinfo.ch: La Cina non ha fatto sentire la sua voce in questi negoziati?

M.-R. D.: Pechino ha stretti legami economici con Teheran, soprattutto da quando c'è l'embargo petrolifero. La Cina è interessata a buoni rapporti con l'Iran, in particolare per quanto riguarda l'Afghanistan, il Pakistan e la regione del Golfo. La Cina, come la Russia, è associata all'Iran attraverso il Gruppo di Shanghai.


(Traduzione dal francese: Sonia Fenazzi), swissinfo.ch



Link

×