Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Alla prova dei fatti


La Svizzera ha veramente il miglior servizio pubblico del mondo?




Per la consigliera federale Doris Leuthard nessun altro paese al mondo può vantare un servizio pubblico della stessa qualità di quello della Confederazione. swissinfo.ch ha sottoposto la sua affermazione alla verifica dei fatti.

«Abbiamo il migliore servizio pubblico del mondo. Ad esempio, la gente può arrivare in qualunque valle discosta della Svizzera coi treni o con l’autopostale»: in un’intervista pubblicata giovedì 12 maggio dal quotidiano 20 Minuten, Doris Leuthard non ha di certo fatto profilo basso per definire la qualità del servizio pubblico in Svizzera.

Secondo la responsabile del Dipartimento dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (DATEC) questa situazione cambierebbe se l’iniziativa intitolata «A favore del servizio pubblico», in votazione il 5 giugno prossimo, dovesse essere accettata. «Questa iniziativa è ingannevole, poiché indebolirebbe il servizio pubblico invece di rafforzarlo e scaverebbe un buco nelle casse della Confederazione», ha sottolineato Doris Leuthard.

Ma cosa permette alla ministra di affermare che la Svizzera ha il miglior servizio pubblico del mondo? Non esistendo una sorta di indice internazionale che misura le prestazioni del servizio pubblico nei differenti paesi, si può verificare la dichiarazione di Doris Leuthard solo parzialmente e unicamente settore per settore.

Ferrovie svizzere al top

Nel marzo del 2015, il Boston Consulting Group ha pubblicato un rapporto che esamina le performance delle ferrovie in diversi paesi europei. Gli esperti della multinazionale attiva nel settore della consulenza hanno preso in considerazione tre elementi: l’intensità dell’utilizzo dei treni, la qualità del servizio (tra cui la puntualità) e la sicurezza. Ebbene, come già nel precedente studio del 2012, la Svizzera figura al primo posto, con una nota complessiva di 7,1 su 10, davanti a Svezia e a Danimarca.

Una rete postale estesa

Valutare le prestazioni del servizio postale è più arduo. Alcuni dati dell’Unione postale universale permettono però di avere almeno un quadro di quella che è la copertura della rete di uffici postali.

Negli ultimi 15 anni, la Posta svizzera ha ampiamente ristrutturato questa rete: nel 2000 vi erano 3'383 uffici, nel 2014 2'222. In diversi villaggi sono stati introdotti servizi alternativi, ad esempio la possibilità di effettuare certe operazioni nei negozi.

Se nel 2000 in Svizzera vi era ancora un ufficio postale ogni 2'146 abitanti, nel 2014 la proporzione era di uno ogni 3'500 abitanti. Come si può osservare nel grafico seguente, la rete di uffici postali rimane comunque estesa, anche se la Svizzera non figura ai primi posti.

Per quanto concerne la puntualità nella distribuzione, la Posta svizzera si situa invece nelle parti alte della classifica. Nel 2013, il 97,6% delle lettere inviate per posta prioritaria è stato recapitato il giorno lavorativo successivo, stando alla Commissione federale delle poste. Nell’Unione Europea, anche se le differenze sono minime (la maggior parte dei paesi si situa al di sopra del 90%), solo il Lussemburgo poteva vantare una percentuale simile.

Un altro dato interessante è la superficie media coperta da un ufficio postale. Anche in questo caso la rete postale svizzera può senz’altro essere definita ottima: in media vi è un ufficio ogni 18,5 chilometri quadrati. Solo Germania e Paesi Bassi fanno meglio.

Allora, la Svizzera ha veramente il miglior servizio pubblico del mondo, come afferma Doris Leuthard? Non saremo così categorici. Ma tra i migliori verosimilmente sì. 

swissinfo.ch



Link

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×