Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Punto di vista


"Con il reddito di base incondizionato prepariamo il futuro"


Di Oswald Sigg, membro del comitato d'iniziativa


 Altre lingue: 3  Lingue: 3

Il reddito di base incondizionato (RBI) è la soluzione ai problemi derivanti dalla deindustrializzazione e dalla digitalizzazione del lavoro, dice Oswald Sigg, uno dei principali promotori dell'iniziativa. Secondo l'ex vicecancelliere della Confederazione, il corollario dell'RBI sarebbe il suo finanziamento tramite una microtassa sul traffico dei pagamenti.

Di Oswald Sigg

Con un sì all'iniziativa popolare "Per un reddito di base incondizionato", prepariamo il futuro della nostra società lavorativa. Consideriamo per una volta non solo la Svizzera, ma tutta l'Europa: il lavoro retribuito diminuisce ovunque. Ufficialmente, nello spazio economico europeo ci sono più di 30 milioni di disoccupati. La tendenza è al rialzo.

Punti di vista

swissinfo.ch apre le sue colonne a contributi esterni scelti. Pubblica regolarmente testi di esperti, decisori, osservatori privilegiati, per presentare punti di vista originali sulla Svizzera o su una problematica riguardante la Svizzera. L'obiettivo è di arricchire il dibattito di idee.

Nell'economia, compreso il settore dei servizi, la lotta dei salariati per il posto di lavoro e la costante spirale dell'aumento dell'efficienza nelle imprese e nelle amministrazioni hanno conseguenze drammatiche: ovunque le incapacità di lavoro per malattia crescono. Nella sola Germania, secondo un'indagine del 2010, si calcolano 225 miliardi di euro all'anno di costi per perdita di valore aggiunto. La tendenza è al rialzo.

Un fenomeno che non risparmia la Svizzera

Anche in Svizzera il duo deindustrializzazione-digitalizzazione avanza. Ciò nonostante, qui si lavora molto, anche senza paga: il 50% delle ore di lavoro prestate dalla società non è retribuito. Ciò vale per il lavoro per la famiglia e le faccende domestiche, ma anche nel campo delle cure e dell'assistenza.

Migliaia di ore di lavoro non pagate sono inoltre effettuate nell'ambito di associazioni senza scopo di lucro, di fondazioni e nella politica a livello comunale e cantonale. Così come non viene rimunerata la creatività di tanti, troppi, artisti. Vicino alla soglia di povertà vivono poi molti working-poor, che con lo stipendio che ricevono per il loro lavoro non possono condurre una vita normale.

Ma la Confederazione non è solo una società lavorativa, è anche una comunità sociale. Tutti quegli abitanti che si trovano in una situazione di emergenza, in una situazione precaria, hanno diritto a un reddito di base incondizionato. "Ogni persona nel bisogno ha diritto a un alloggio, ai mezzi necessari per un'esistenza conforme alle esigenze della dignità umana e alle cure mediche di base", sancisce ad esempio, la Costituzione del Cantone di Berna. Ma ciò che è promesso qui, nella realtà è ben diverso.

Tra costoro, la proporzione di chi non beneficia dell'aiuto sociale, a livello nazionale, dovrebbe aggirarsi sul 50%. Coloro che non se la cavano più finanziariamente, che hanno uno stipendio troppo basso, che devono vivere sotto il minimo vitale, evitano di andare al servizio sociale del loro comune chiedere il loro diritto all'aiuto. Perché? Perché sono trattati con diffidenza, perché la politica li considera come potenziali truffatori, perché sono disprezzati, emarginati e come beneficiari dell'assistenza sociale sono assimilati – perfino nella legge – ai criminali. Come se il rapporto con l'aiuto sociale dovesse essere regolato dal codice penale.

Un finanziamento solidale

Questa Confederazione è uno Stato sociale sviluppato? È una garante di sicurezza sociale, giustizia, equità? Proprio no. Anche se il preambolo della Costituzione federale proclama la certezza "che libero è soltanto chi usa della sua libertà e che la forza di un popolo si commisura al benessere dei più deboli dei suoi membri".

Se un reddito di base incondizionato – che costerebbe più di 200 miliardi di franchi all'anno – diventasse la futura opera sociale, nella tradizione dell'Assicurazione vecchiaia e superstiti (AVS), il suo finanziamento avrebbe un ruolo chiave. Si tratta di un nuovo tipo d'imposta, grazie alla quale se ne potrebbero forse abrogare altre.

Secondo l'idea del finanziere zurighese Felix Bolliger, solo il traffico dei pagamenti totale dovrebbe servire come substrato d'imposta. Questo si stima che negli ultimi anni si aggiri a molto più di 100'000 miliardi di franchi. Ben oltre il 90% dei flussi di denaro è concentrato nel settore finanziario: il casinò finanziario. Una microtassa automatica sul traffico dei pagamenti di appena il 2 per mille su ogni transazione, che affluirebbe in un fondo per il reddito di base. Tutti saremmo tassati in piccola misura sui nostri pagamenti quotidiani. Ma coloro che possono giocare quotidianamente con milioni e miliardi, sopporterebbero l'onere principale.

Solo con un reddito di base incondizionato finanziato in modo solidale la Svizzera diventerà un Stato sociale.

Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle dell'autore e non riflettono necessariamente la posizione di swissinfo.ch.


(Traduzione dal tedesco)

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×