Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Piazza finanziaria


Riciclaggio: 2'367 segnalazioni in Svizzera, 82'000 in Italia


Di Leonardo Spagnoli, tvsvizzera.it


Come spiegare questo divario tra Svizzera e Italia, tenuto conto del ruolo sostanzialmente diverso delle due piazze finanziarie? Tvsvizzera.it lo ha chiesto a tre esperti dei due paesi.

La Svizzera si è dotata negli ultimi anni di una dettagliata legislazione antiriciclaggio, uniformandosi agli standard vigenti a livello internazionale, ma i rischi di reati economici e finanziari legati a capitali provenienti dall’estero restano elevati. Lo ha denunciato in aprile la stessa FINMA, l’autorità di vigilanza federale sui mercati finanziari che aveva individuato 14 società operanti nella Confederazione su cui si erano concentrate le attenzioni per il sistema di controlli interni ritenuto inadeguato. Ma c’è anche un dato che può suscitare qualche dubbio.

L’anno scorso all’Ufficio di comunicazione in materia di riciclaggio di denaro (MROS) della polizia federale sono giunte 2'367 segnalazioni sospette da intermediari finanziari (in aumento del 35 per cento rispetto l'anno precedente) mentre nello stesso periodo la Banca d’Italia ha ricevuto 82'428 comunicazioni.

Un divario che può lasciare perplessi, alla luce soprattutto della differente rilevanza, in termini qualitativi e quantitativi, tra le due piazze finanziarie e su cui abbiamo chiesto il parere a Gian Gaetano Bellavia, commercialista e consulente della Procura di Milano per le inchieste finanziarie, Fabio Tasso, capo della sezione reati finanziari della polizia ticinese e Paolo Bernasconi, avvocato e esperto di diritto economico e finanziario.

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×