Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Schianto del jet F/A 18


Il caccia svizzero volava troppo basso


Il luogo dello schianto sulle Alpi svizzere, in prossimità del passo del Susten. (Keystone)

Il luogo dello schianto sulle Alpi svizzere, in prossimità del passo del Susten.

(Keystone)

Dai primi risultati dell'inchiesta sull’incidente del cacciabombardiere dell’esercito svizzero, schiantatosi lo scorso 29 agosto nella regione del Susten tra i cantoni di Uri e Berna, risulta che il velivolo volava troppo basso. Il pilota, morto nell'incidente, ha ricevuto indicazioni sbagliate da parte della sorveglianza aerea.

La torre di controllo dell'aerodromo di Meiringen, da dove il jet F/A 18 delle Forze aeree svizzere era partito per un'esercitazione di combattimento con un altro velivolo, aveva indicato al pilota 27enne una quota di 10'000 piedi (3'050 metri), quando l'altezza minima di sicurezza era invece di 14'300 piedi (4'360 metri), hanno affermato martedì i giudici istruttori militari Gionata Carmine e Andreas Lukas Hagi.

Tuttavia, hanno sottolineato, è ancora troppo presto per giungere a conclusioni. A prescindere dal fatto che le scatole nere del velivolo andato distrutto, sempre che siano utilizzabili, non sono ancora state trovate, l'inchiesta dovrà determinare come mai, poco dopo il decollo, il secondo pilota abbia perso il contatto radar con il velivolo che l'aveva preceduto.

L'inchiesta, che durerà almeno sino alla fine dell’anno, dovrà anche appurare se il pilota si è reso conto che l'altitudine indicatagli era troppo bassa, e se ha tentato una manovra d'emergenza prima dell'impatto, ha detto il magistrato. Finora non vi sono indizi che lasciano supporre che il seggiolino eiettabile sia stato azionato.

Gionata Carmine ha precisato che anche lo stato tecnico della torre di Meiringen è oggetto di indagine. Da parte sua Skyguide, la società che controlla tutti i voli militari e civili in Svizzera, ha annunciato di essere pronta ad assumersi le proprie responsabilità riguardo all'incidente.

Dal 1941 vi sono stati circa 400 incidenti che hanno coinvolto aerei ed elicotteri dell'aviazione militare svizzera. Il bilancio è di oltre 350 morti.

swissinfo.ch e RSI (TG del 6.9.16)

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×