Per l'economia elvetica il turismo è un'importante fonte di reddito. Sebbene gli svizzeri spendano all'estero quasi altrettanto dei turisti stranieri in Svizzera, il bilancio è positivo: questo settore è il terzo per le esportazioni e occupa circa un decimo della forza lavoro.

In origine, la stagione turistica era limitata ai mesi estivi. Le forti nevicate impedivano ai turisti di raggiungere le Alpi in inverno. Solo con l'avvento degli sport invernali – anche in questo caso i pionieri furono gli inglesi – la stagione invernale cominciò ad attrarre un numero crescente di visitatori.

Statistiche attuali sul turismo in Svizzera si trovano presso l'Ufficio federale di statistica.

Vacanze brevi

Oggi esistono località di vacanza invernali ed estive, destinazioni aperte tutte l'anno e varie forme miste. I congressi e le cure termali contribuiscono in modo determinante al bilancio turistico.

Gli svizzeri amano molto le gite di uno o pochi giorni, di solito durante il fine settimana. Spesso fanno un giro con il battello sui laghi, salgono in alta quota con un trenino o una funivia o raggiungono un ristorante in montagna.

Il problema dei "letti freddi" desta preoccupazione fra gli operatori del settore turistico e nei cantoni, in particolare in Vallese e nel Grigioni. Molti appartamenti di vacanza sono occupati dai proprietari per poche settimane l'anno e non vengono quasi mai affittati.

In tutto il paese

Quasi non esistono regioni in Svizzera che non abbiano qualche ambizione turistica. Ci sono località turistiche di montagna che si rivolgono agli alpinisti ed escursionisti in estate e agli amanti dello sci in inverno, località rivierasche che cercano di attrarre chi pratica sport acquatici. Anche molte città cercano di profilarsi come destinazioni turistiche. Inoltre ci sono numerose località di campagna, in particolare nell'arco giurassiano, il cui paesaggio collinare invita a forme di turismo dolce.

La maggior parte delle località turistiche propone un'offerta variata di manifestazioni e attività. Le città più grandi, che si trovano quasi tutte in riva a un fiume o a un lago, sono luogo d'incontro privilegiato per donne e uomini d'affari, oltre che sedi di congressi e di intense attività culturali.

Il marketing per la destinazione turistica Svizzera è affidato a Svizzera Turismo.

La Svizzera è confrontata con la crescente concorrenza di altre destinazioni. I contributi statali alla promozione turistica rimangono tuttavia modesti. Svizzera Turismo cerca tra l'altro di consolidare la posizione del paese sui mercati cinesi e indiani. La maggioranza dei turisti stranieri continua tuttavia a provenire dalla Germania; seguono la Gran Bretagna, gli Stati uniti, la Francia e l'Italia.

Le Alpi

Per i turisti che visitano la Svizzera, le Alpi sono senza dubbio una delle attrazioni principali. In estate offrono innumerevoli possibilità di arrampicata e di escursione, in inverno chilometri di piste per praticare lo sci.

I visitatori oggi hanno a disposizione molte sciovie e funivie per raggiungere i pendii più ripidi e le cime delle montagne. Queste infrastrutture sono sorte quasi tutte dopo la Seconda guerra mondiale.

Cambiamento climatico

Fino a pochi decenni fa, l'innevamento della maggior parte delle destinazioni turistiche invernali appariva sicuro. Oggi soprattutto le località situate poco sopra i 1000 m di altitudine sono costrette a impiegare cannoni da neve per garantire l'apertura ininterrotta delle piste da sci.

Lo sci e altre attività turistiche hanno un impatto non trascurabile sul clima. Se ne discute sempre più sovente. Molte regioni di montagna hanno individuato nel turismo sostenibile, sia d'estate che d'inverno, un obiettivo di sviluppo a lungo termine. Poiché il turismo ha un'importanza cruciale per l'economia alpina, le misure di salvaguardia del paesaggio sono necessarie per preservare una risorsa fondamentale per il futuro delle regioni di montagna.

Informazioni sulla politica adottata dalla Svizzera per lottare contro il cambiamento climatico si trovano sul sito dell'Ufficio federale dell'ambiente.

swissinfo.ch