Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

A Ginevra si è fieri della città internazionale

Ginevra, città internazionale dove ci si sente al sicuro (foto: Svizzera Turismo)

(Schweiz Tourismus)

Ginevra trae profitto dalle organizzazioni internazionali, anche se non sempre i ginevrini accolgono gli stranieri a braccia aperte.

Ma secondo un sondaggio, sia i residenti che i funzionari internazionali vedono positivamente la città, sede dell'ONU e di molte organizzazioni internazionali.

Il sondaggio, commissionato dall'Istituto per gli studi europei dell'Università di Ginevra (IUEG), giunge alla conclusione che gli abitanti della città di Calvino e i funzionari delle varie organizzazioni internazionali hanno in generale una buona opinione della Ginevra internazionale.

Per quello che è il primo studio sull'immagine della Ginevra internazionale sono stati interrogati in tutto 600 abitanti di Ginevra e altrettanti funzionari internazionali.

La città di Calvino, con una ventina di organizzazioni intergovernative e oltre 300 organizzazioni non governative (ONG) internazionali, per un totale di circa 30 mila funzionari, è una delle città internazionali più importanti del mondo.

«È interessante constatare il vasto appoggio alla presenza delle organizzazioni internazionali a Ginevra», afferma Philippe Braillard, direttore dell'IUEG, «tutte le persone interrogate sono coscienti dell'importanza che hanno per la città e la sua economia».

Il CICR al primo posto

La maggioranza delle persone interrogate attribuiscono la buona immagine della città soprattutto al CICR, il Comitato Internazionale della Croce Rossa, seguito dalla sede delle nazioni Unite. Mentre poco apprezzata è la presenza dell'Organizzazione mondiale del commercio (WTO).

Lo studio mette pure in risalto due elementi ritenuti importanti per lo sviluppo della Ginevra internazionale: la neutralità della Svizzera e le buone infrastrutture.

Oltre la metà dei ginevrini e dei funzionari internazionali interrogati desiderano conservare il carattere internazionale della città, mentre un terzo vorrebbero addirittura aumentare il numero di organizzazioni internazionali.

Sicura ma poco accogliente

Per la maggioranza degli interrogati, a Ginevra si vive bene e la città vanta dei buoni collegamenti con le altre regioni europee.

Per di più, a Ginevra ci si sente sicuri, almeno secondo il 56 percento degli abitanti e il 66 percento dei funzionari internazionali. Anche se entrambi i gruppi denunciano la carenza di alloggi.

Inoltre, due terzi delle persone interrogate ritengono che i ginevrini siano piuttosto riservati e poco accoglienti.

E la metà dei residenti dichiarano che non hanno praticamente contatti con i funzionari internazionali.

«La cosa mi sorprende», ammette Philippe Braillard, «visto che entrambi i gruppi dicono si sentirsi a casa a Ginevra».

Ciò nonostante, i ginevrini riconoscono che la presenza di funzionari internazionali comporta più vantaggi che svantaggi.

swissinfo

In breve

Ginevra ha la più alta concentrazione di stranieri in Svizzera: circa il 40 percento della popolazione, con 180 nazionalità rappresentate.

Nella città hanno sede una ventina di organizzazioni intergovernative e circa 300 ONG, per un totale di oltre 30 mila funzionari internazionali.

Il Comitato internazionale della Croce rossa (CICR) è l'organizzazione con l'immagine più positiva tra la popolazione.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×