Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Al lavoro con papà o mamma

Mylene Granges al lavoro con papà Philippe, sergente della polizia cantonale vallesana

(swissinfo.ch)

Migliaia di ragazze accompagnano uno dei loro genitori sul posto di lavoro per l’intera giornata di giovedì.

L’opportunità di scoprire il mestiere dei genitori offerto dalla terza edizione della Giornata nazionale delle ragazze.

Migliaia di giovani accompagnano giovedì 13 novembre i loro padri o le loro madri al lavoro.

L’occasione di conoscere il mondo professionale dei genitori è offerta dalla terza edizione della Giornata nazionale delle ragazze.

Per la prima volta nel Canton Vaud alla manifestazione partecipano anche i ragazzi.

Allargare gli orizzonti

La Giornata nazionale delle ragazze, co-finanziata dall’Ufficio federale per l’uguaglianza tra donna e uomo, offre l’opportunità alle ragazze tra 10 e 15 anni d’età di confrontarsi con nuovi mestieri, immaginando progetti di vita diversi.

Un approccio, precisano gli organizzatori della manifestazione in un comunicato diffuso alla stampa, che non ha niente a che vedere con una giornata di stage o d’orientamento professionale.

Ancora oggi, le ragazze scelgono troppo sovente il lavoro nella prospettiva di dovere un giorno conciliare famiglia e vita professionale.

Per questa ragione tre donne su quattro scelgono di seguire l’apprendistato nei settori del commercio, della vendita, del turismo, della salute o dell’economia domestica.

L’obiettivo della Giornata nazionale delle ragazze è di allargare l’orizzonte delle professioni scelte dalle donne.

Ragazzi esclusi

I giovani ragazzi sono esclusi dalla manifestazione, con l’eccezione del Canton Vaud che, da quest’anno, ha deciso di allargare la partecipazione.

Negli altri 25 cantoni della Confederazione i ragazzi seguiranno invece lezioni scolastiche particolari.

Gli insegnanti sono incoraggiati ad allestire programmi speciali, perché le migliori idee saranno premiate.

L’esempio delle ferrovie

Un incoraggiamento alle ragazze per intraprendere attività professionali tipicamente maschili viene dalle Ferrovie federali svizzere (FFS).

Cinquecento ragazze accompagnano i padri ferrovieri per scoprire come si manovra un treno, cosa si controlla quando si guarda sotto un vagone ferroviario o come si smistano i carri merci.

Nel corso degli ultimi cinque anni la proporzione delle donne, che lavorano alle FFS, è aumentato da meno del 10 ad oltre il 12 per cento.

swissinfo e agenzie

In breve

Dare alle donne l’opportunità di scoprire mestieri e professioni considerate tipicamente maschili.

È l’obiettivo della Giornata nazionale delle ragazze, giunta alla terza edizione, in programma giovedì 13 novembre.

Migliaia le ragazze che per l’occasione accompagnano uno dei genitori sul posto di lavoro. Nel Canton Vaud, da quest’anno, ammessi anche i ragazzi.

Fine della finestrella


Link

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×