Ciba: risultati in calo nei primi nove mesi

Anche la Ciba risente degli effetti del rallentamento dell'economia mondiale Keystone Archive

La Ciba Specialità Chimiche (Ciba SC) ha realizzato un utile netto di 303 milioni di franchi nei primi nove mesi dell'anno, in calo dell'8 % rispetto al periodo corrispondente del 2000.

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 ottobre 2001 - 12:32

Il giro d'affari della Ciba SC è diminuito del 5 %, scendendo a 5,66 miliardi di franchi. In valute locali la flessione si attesta al 3 %.

Il gruppo basilese prevede per l'intero esercizio corrente un lieve calo di fatturato, utile operativo e utile netto. Nel periodo in rassegna il risultato operativo ha raggiunto 604 milioni di franchi, segnando una contrazione del 12 % (-4 % in valute locali).

Nel mese di agosto la Ciba SC aveva pronosticato una crescita dell'utile per il 2001. In valute locali l'utile netto registra un incremento del 9 % tra inizio gennaio e fine giugno.

I vertici del gruppo stimano di avere realizzato una performance «solida» in una situazione difficile, contrassegnata dal rallentamento dell'economia mondiale e dal rafforzamento del franco svizzero. Nel periodo in rassegna l'impresa basilese ha ridotto di 300 milioni di franchi il suo indebitamento netto.

Gli attentati dell'11 settembre hanno comportato una degradazione della situazione economica nella regione NAFTA (USA, Canada e Messico), in Europa e in Asia. I clienti si mostrano prudenti per quanto riguarda gli acquisti.

La divisione «Plastic Additives» ha registrato un calo del 5 % del giro d'affari (-2 % in monete locali), sceso a 1,417 miliardi di franchi. Le vendite della divisione «Coating Effects» (rivestimenti) sono diminuite del 7 % (-4 %), scendendo a 1,502 miliardi.

Per la divisione «Water & Paper Treatment» (trattamento dell'acqua e della carta) risulta un fatturato di 1,123 miliardi, in calo del 4 % (-1 %). Il giro d'affari della divisione «Textile Effects» ha subito una contrazione del 7 % a 1,3 miliardi di franchi (-5 %), mentre le vendite della divisione «Home & Personal Care» (casa e cure personali) sono aumentate del 2 % a 322 milioni (+5 %).
swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo