Collisione nel Gottardo: i precedenti in galleria

Attivisti di Greenpeace manifestano al Monte Bianco contro la riapertura del traffico anche ai TIR Keystone

L'incidente di mercoledì nel tunnel del San Gottardo si aggiunge ad una lunga lista di tragedie avvenute nelle gallerie.

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 ottobre 2001 - 18:17

4 novembre 1993: nella galleria tra Pian del Voglio e Rioveggio (Bologna), sulla A1, un'auto si ribalta per la forte velocità e viene investita da due autotreni. Ne segue un maxi-tamponamento e un incendio. Quattro morti e quattro feriti.

18 marzo 1996: in una galleria che collega Punta Raisi a Palermo un pullman che ha preso fuoco tampona un'autocisterna facendola esplodere. Cinque morti e 32 feriti.

24 marzo 1999: sul versante francese del traforo del Monte Bianco, un camion belga prende fuoco e nell'incendio, che coinvolge molti autoveicoli, muoiono 39 persone.

29 maggio 1999: in un tunnel dell'autostrada dei Tauri, in Austria, in seguito ad un tamponamento causato da un camion carico di vernici, scoppia un incendio che provoca 12 morti e 42 feriti.

29 giugno 1999: due morti, due dispersi e 15 feriti a causa di un incendio nel tunnel di Brakeroeya, a Drammen, circa 30 chilometri a sudovest di Oslo, in Norvegia.

6 agosto 2001: quattro morti e quattro feriti in un incidente stradale seguito da incendio nella galleria di Gleinalm, sull'autostrada A9 vicino a Graz, in Austria, non lontano dal confine con la Slovenia.

8 agosto 2001: altri tre morti in Austria in uno scontro frontale nel traforo autostradale di Amberg, presso Bregenz.

31 agosto 2001: ancora in Austria, due morti e due feriti in uno scontro frontale tra due automezzi nel tunnel di Lainberg, in un tratto autostradale a doppio senso di marcia vicino a Windischgarten.


swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo