Dopo la presidentessa, anche il segretario generale dei socialisti abbandona la carica

Jean-Francois Steiert : le polemiche in casa socialista lo hanno indotto a lasciare la carica Keystone

Jean-François Steiert getta la spugna. L'attuale segretario generale del Partito socialista non si ripresenterà per il rinnovo della carica. Motivo: le discussioni che continuano ad agitare la direzione del partito.

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 maggio 2000 - 16:23

In questi ultimi tempi il partito ha vissuto tensioni insensate, ha dichiarato Steiert. A suo avviso, le polemiche avrebbero dovuto cessare con le dimissioni di Ursula Koch dalla presidenza del PS, ma alcune persone continuano a gettare olio sul fuoco.
In un'intervista alla radio svizzero tedesca DRS il segretario generale del Partito socialista svizzero (PS) ha dunque annunciato che non si ripresenterà per il rinnovo del mandato.
Ritirandosi, Jean-François Steiert spera così che le questioni politiche ritornino in primo piano.

L'attuale segretario generale del PS non ha precisato la data della partenza. Il suo mandato scadrà a metà ottobre.
Steiert ha affermato che sarebbe contento se il suo ritiro aumentasse le probabilità di Christiane Brunner alla successione della Koch.

Le pressioni su Jean-François Steiert si erano accentuate dalle dimissioni di Ursula Koch e la sua partenza era auspicata da numerose persone all'interno del partito. In particolare, Steiert avrebbe potuto godere di un potere troppo grande.
Ma le critiche - ha aggiunto Steiert - fanno in ogni modo parte del lavoro del segretario generale di un partito.

Swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo