Casse pensione: copertura spesso insufficiente

A causa della crisi dei mercati finanziari, quasi sei casse pensione su dieci hanno un grado di copertura insufficiente: è quanto emerge da un rapporto dell'Ufficio federale delle assicurazioni sociali (UFAS) pubblicato lunedì.

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 aprile 2009 - 13:32

In particolare, il 42% dei circa 1'900 istituti di previdenza analizzati ha una copertura del 100% o superiore. Quelli con un tasso compreso tra il 90% e il 100% sono il 39%, mentre il 18% restante ha un grado di copertura inferiore al 90%.

Per calcolare queste cifre, che si riferiscono al 31 marzo, l'UFAS ha combinato i dati in suo possesso relativi alla situazione alla fine del 2007 con l'andamento dei principali indici dei mercati finanziari e dei tassi d'interesse tecnici. Non si tratta quindi di dati definitivi, ma di una proiezione.

L'UFAS ha anche pubblicato i dati – in questo caso definitivi – delle casse che sottostanno alla vigilanza diretta della Confederazione, relativi al 31 dicembre 2008. Alla fine dello scorso anno gli istituti considerati sani erano il 51%; quelli con una copertura insufficiente erano il 49% (il 35% con un tasso compreso tra il 90% e il 100% e il 14% inferiore al 90%).

L'UFAS ha quindi invitato le casse pensione che hanno una copertura insufficiente ad adottare tempestivamente misure di risanamento e a non attendere che il problema si aggravi.

Gli istituti di previdenza del secondo pilastro che presentano una copertura insufficiente hanno tempo fino al termine di giugno per presentare all'autorità di sorveglianza (federale o cantonale) le misure di risanamento. Per legge, le lacune nella copertura devono essere riassorbite di norma entro cinque/sette anni, ma al massimo entro dieci.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo