Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Fuori dalla recessione, con qualche disoccupato in più

Gli economisti di UBS hanno rivisto al rialzo le previsioni congiunturali per l’anno in corso, portandole dall’1,7 al 2%. Gli effetti della crisi sul mercato del lavoro continuano tuttavia a farsi sentire: a gennaio, la disoccupazione ha raggiunto il 4,5%, toccando il livello più alto dal marzo del 1998.

La Svizzera si è lasciata finalmente alle spalle la recessione. Questa, almeno, è la convinzione degli esperti del principale istituto bancario del paese. L’immigrazione continuerà a sostenere i consumi (+1,1%) che saranno tuttavia frenati dall’atteso aumento della disoccupazione. Un contributo positivo alla crescita giungerà anche dagli investimenti in nuove attrezzature (+3,2%), dalle esportazioni (+3,2%) e dagli investimenti nell'edilizia (+0,3%).

Aspettando la ripresa congiunturale, il mercato del lavoro in Svizzera continua ad annaspare. A gennaio il numero dei senza lavoro è salito a 175'765, mentre il relativo tasso ha raggiunto la soglia del 4,5% (+0,1 punti rispetto al mese precedente). Si tratta del livello più alto dal marzo 1998.

Stando alla Segreteria di Stato dell'economia (SECO), il primato negativo spetta ai cantoni Ginevra e Neuchâtel, con un tasso del 7,3%, seguiti dal Giura al 6,3%. Appenzello Interno è invece il cantone con meno disoccupati (1,6%), seguito da Uri (1,9%) e Obvaldo (1,9%).

swissinfo.ch e agenzie


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.