La recessione sarà meno grave del previsto

La crisi ha investito l'economia svizzera, ma meno duramente di quanto si temeva: gli esperti di UBS hanno infatti rivisto le loro previsioni.

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 settembre 2009 - 09:51

Le attese per il 2010 sono favorevoli, si legge infatti venerdì nella pubblicazione di UBS intitolata Swiss Economic Focus. Il prodotto interno lordo dovrebbe infatti segnare una crescita dell'1,7%, un tasso simile a quello del 2008. Anche in quel caso, le stime iniziali erano meno ottimistiche e si attestavano allo 0,7%.

Stando agli esperti, la contrazione del prodotto interno lordo elvetico sull'insieme dell'anno sarà dell'1,4%, e non del 2,4% come pronosticato inizialmente.

Gli economisti di UBS ritengono che la Svizzera è scivolata in una fase recessiva segnatamente a causa della situazione di stallo verificatasi sui mercati finanziari, che ora sembra però superata, permettendo alle aziende elvetiche esportatrici di stabilizzare le proprie attività.

swissinfo.ch e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo