Navigation

Martedì nero per la borsa svizzera?

Dopo il no della Camera dei rappresentanti statunitense al piano di salvataggio di Wall Street, la giornata di martedì si annuncia difficile per la borsa svizzera e per quelle mondiali.

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 settembre 2008 - 08:19

Già in forte calo la vigilia (-4,63%), lo Swiss Market Index dovrebbe registrare martedì un ulteriore pesante contrazione.

A subire maggiormente i contraccolpi del mancato accordo sul piano di salvataggio statunitense (228 voti contrari e 205 a favore) dovrebbero ancora una volta essere i titoli bancari. Lunedì l'azione UBS è crollata del 13,57% a 18,15 franchi, quella del Credit Suisse del 7,84% a 48,20 franchi e quella della Julius Bär del 6,8% a 54,85 franchi.

Il no al pacchetto ha fatto crollare la fiducia. L'insicurezza degli investitori cresce e a farne le spese saranno le banche, hanno in sostanza indicato diversi analisti.

Sul mercato asiatico le prime conseguenze non si sono fatte attendere. Martedì la borsa di Tokyio ha chiuso in forte ribasso. L'indice Nikkei ha terminato la seduta in calo del 4,12%.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?