Scambi tra vicini

Le relazioni commerciali tra la Svizzera e la Germania hanno superato i 100 miliardi di franchi di volume. La Bundesrepublik resta il principale partner della Confederazione.

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 aprile 2008 - 18:12

Stimolate da una congiuntura favorevole, nel 2007 le esportazioni della Confederazione verso la Germania (41,2 miliardi di franchi) sono salite del 14,9%. Dal canto loro, le importazioni (62,2 miliardi) sono progredite del 12,9%. Lo si è appreso nel corso dell'annuale conferenza stampa della Camera di commercio Svizzera-Germania.

La Germania rimane saldamente al primo posto della classifica dei partner commerciali della Svizzera. Un terzo dei prodotti importati nella Confederazione proviene dal grande vicino tedesco. In classifica seguono Italia, Francia, Belgio, Austria e Olanda.

In Germania va il 20,3% delle esportazioni elvetiche, ovvero il doppio che negli Stati Uniti, il secondo maggiore paese importatore di prodotti "Made in Switzerland".

Anche gli investimenti diretti hanno registrato una forte crescita (investimenti tedeschi in Svizzera: 13,25 miliardi di euro; investimenti elvetici in Germania: più di un miliardo di euro).

Il 60% dei clienti di aziende svizzere presenti sul suolo tedesco proviene da regioni fortemente industrializzate. Gli scambi con i Länder orientali sono nettamente meno sviluppati.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo