Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Visita economica in Cina Missione conclusa per Johann Schneider-Ammann

Il ministro svizzero dell'economia Johann Schneider-Ammann posa per il pittore russo Sergei Balovin allo Swatch Art Peace Hotel a Shanghai

(swissinfo.ch)

Il ministro svizzero Johann Schneider-Ammann ha terminato la missione economica in Cina con una visita allo Swatch Art Peace Hotel a Shanghai. Ha ispezionato questo luogo mitico, vetrina dell'eccellenza orologiera elvetica, che lui stesso ha contribuito a plasmare.

"È la prima volta che faccio il ritratto di un ministro", dice Sergei Balovin, quando prende in mano il pennello e immortala Johann Schneider-Ammann. Il ministro dell'economia si è fermato di fronte alle tavolozze di questo artista russo di 28 anni. L'impulso lo ha portato a concedersi un piccolo piacere personale: qualche minuto di relax, dopo quattro giorni d'intensi colloqui politici e visite ufficiali.

Il ritrattista non è di quelli che arringano i turisti sulle grandi arterie della metropoli cinese. È "artist in residence" nello Swatch Art Peace Hotel. E non vende i suoi quadri. Li scambia contro ciò che i suoi modelli decidono di dargli.

Sergei Balovin occupa uno dei 18 atelier dello stabilimento, il cui scopo è la promozione della creazione artistica. È aperto ad artisti provenienti da tutto il mondo. Un comitato di selezione sceglie i dossier migliori.

"Gli artisti selezionati ottengono il diritto di soggiornare al Peace Hotel. In cambio devono creare un'opera d'arte e donarla allo Swatch Hotel", dice Alain P. Diller, direttore delle finanze del gruppo orologiero per la Cina. "Tutto è pagato, conferma il russo. Anche i voli in business class".

Animo imprenditoriale

"Sono commosso e molto, molto orgoglioso", afferma Johann Schneider-Ammann nel discorso dinanzi alla comunità svizzera di Shanghai. Uomo d'affari nell'animo, forse nostalgico, il politico ricorda che era nel consiglio di amministrazione del gruppo Swatch quando era nata l'idea. Aveva votato il progetto, si era impegnato per esso.

Oggi, la visione è diventata realtà. "Questo è il posto migliore in città, non solo a Shanghai, ma in tutto il mondo", dice in un discorso improvvisato, sinceramente emozionato. "È veramente forte, il risultato è fantastico", afferma con entusiasmo il ministro dell'economia.

La storia, l'ubicazione e la qualità di questo edificio lo rendono un luogo eccezionale. In architettura barocca vittoriana, l'inizio della sua costruzione risale al 1906. Con i suoi sette piani, al momento dell'apertura, nel 1909, il Palace Hotel era l'edificio più alto di Shanghai e il primo ad avere un ascensore. Dotato di due torrette, la sua terrazza sul tetto ospita un lussureggiante giardino, con vista sul viale del Bund e sul fiume Huangpu.

Nell'anno di apertura, accolse la prima Commissione internazionale dell'oppio. Nel 1927, Chiang Kai-shek e Song Mei-ling vi celebrarono il loro fidanzamento. Oggi, gli yuppi della metropoli frequentano il bar all'aperto, all'ombra degli imponenti grattacieli del nuovo quartiere di Pudong.

7mila franchi per notte

Il Gruppo Swatch ha firmato un contratto di locazione per 30 anni e ha investito milioni di dollari per dare nuova vita all'albergo, classificato come edificio storico. "Abbiamo cercato di conservare il maggior numero possibile di elementi originali", dice Vera Zhu, addetta alle pubbliche relazioni.

Legno, marmo, vetrate, scale, pavimenti in legno prezioso: testimonianze di un passato glorioso associate con audacia ad arredi post-moderni, hanno trasformato le camere del vecchio albergo in studi per artisti, spazi espositivi, ristoranti alla moda e altri luoghi di incontro e di scambio. Per non parlare dei quattro punti vendita al piano terra, per quattro grandi marche del gruppo orologiero: Swatch, Omega, Blancpain, Breguet.

Inaugurato lo scorso anno, lo Swatch Art Peace Hotel non ha ancora dispiegato tutto il suo splendore. La parte alberghiera aprirà prossimamente, "probabilmente in agosto", dice Vera Zhu. L'addetta alle pubbliche relazioni spiega che "c'è un po' di ritardo poiché Nick Hayek non era completamente soddisfatto del lavoro dei designer" (i parigini Patrick Jouin e Sanjit Manku).

Una volta aperto, l'albergo vero e proprio proporrà 7 camere, di cui 3 suite, a 7'000 franchi per notte. "Cerchiamo una clientela di prestigio. Un George Clooney, degli ambasciatori delle nostre marche, questo tipo di persone", spiega Alain P. Diller.

Johann Schneider-Ammann riconosce che 7'000 franchi per una stanza è un prezzo esorbitante. Ma "l'atmosfera che regna in questo edificio, i dettagli così curati, valgono il prezzo", giudica il ministro.

Quanto al ritrattista Sergei Balovin vive di baratto e se ne infischia degli aspetti finanziari. "I soldi non m'importano. Non mi piace negoziare per le mie opere", racconta. In cambio del ritratto del ministro elvetico dell'economia riceverà un coltellino svizzero... e le sue lodi: "Lei è un vero artista. Metterò il ritratto nel mio ufficio. E il mio prossimo mestiere, sarà artista in questo albergo".

Accesso agevolato

Lo scopo principale della missione economica svizzera in Cina, capeggiata dal ministro Johann Schneider-Ammann, era di accelerare la conclusione dei negoziati per un accordo di libero tra Berna e Pechino.

"Missione compiuta", ha dichiarato Schneider-Ammann al termine del viaggio, dicendosi fiducioso sul raggiungimento dell'accordo prima della fine dell'anno. Si tratta di un auspicio condiviso dalla controparte cinese, ha assicurato il ministro elvetico.

La posta in gioco è importante per l'industria svizzera in generale e per quella orologiera in particolare. "Il mercato cinese è destinato a diventare ancora più importante. Una conclusione favorevole permetterebbe di ridurre gli ostacoli all'importazione e migliorare le protezioni in materia di proprietà intellettuale", rileva Maurice Altermatt, capo della divisione economica della Federazione dell'industri orologiera svizzera (FH).

Circa il rallentamento dell'economia cinese, Altermatt non è molto preoccupato. Parla di un "lieve calo" delle esportazioni orologiere verso la Cina. "Non si tratta di una vera diminuzione, ma di un rallentamento della crescita. L'anno scorso la crescita si aggirava sul +50%. Nel corso dei primi cinque mesi di quest'anno si attestava al 25%. Dunque restiamo in progressione e persino a un livello molto elevato", puntualizza.

Fine della finestrella


(Traduzione dal francese: Sonia Fenazzi), swissinfo.ch


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.