Economiesuisse: Pil in crescita

economiesuisse

L'organizzazione padronale prevede una crescita del prodotto interno lordo (Pil) dell'1-1.5% nel 2002. Ruolo importante dei consumi privati.

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 dicembre 2001 - 12:36

Secondo l'organizzazione padronale, nei prossimi mesi continuerà la debolezza delle esportazioni, accompagnata da flessioni delle nuove commesse e degli ordini in portafoglio, indica l'ex Vorort. Proseguirà anche il rallentamento del turismo, aggiunge nel rapporto pubblicato lunedì.

L'inversione di tendenza è attesa solo in concomitanza con il rilancio dell'export verso i principali partner commerciali del paese. I consumi privati continueranno a sostenere l'economia svizzera, favoriti dal basso livello dell'inflazione, da una crescita dei salari e dalla relativa stabilità dell'occupazione.

Maggiori investimenti a metà del 2002

L'inversione di tendenza è attesa solo in concomitanza con il rilancio dell'export verso i principali partner commerciali del paese. I consumi privati continueranno a sostenere l'economia svizzera, favoriti dal basso livello dell'inflazione, da una crescita dei salari e dalla relativa stabilità dell'occupazione.

Gli investimenti dovrebbero avere superato il momento di debolezza nella seconda metà del 2002. Per quanto riguarda le macchine e gli impianti, il rilancio avverrà un po' prima, secondo economisuisse. Gli investimenti nelle costruzioni segneranno il passo.

Buono il tasso annuale di occupazione

In generale, il bilancio per il 2001 risulta meno favorevole del previsto. Economiesuisse stima all'1,4 % il tasso d'espansione del Pil per quest'anno. Malgrado il rallentamento della congiuntura, l'occupazione tende ancora ad aumentare, rileva l'organizzazione padronale. Il tasso di disoccupazione dovrebbe assestarsi sull'1,9 % quest'anno, contro il 2 % del 2000. In media il rincaro quest'anno sarà dell'1,1 %, contro l'1,6 % del 2000.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo