Il traffico alternato scorre

Camion lunedì al portale nord del San Bernardino, in attesa del loro turno per passare il tunnel swissinfo.ch

Bilancio positivo per la prima giornata di traffico alternato per gli autocarri lungo il San Bernardino. Presto sarà introdotto anche il divieto di sorpasso.

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 novembre 2001 - 17:47

Il nuovo sistema di traffico alternato per i camion al San Bernardino è stato un successo. Lo ha detto lunedì a Coira il portavoce della polizia grigionese René Ambass. Nonostante le colonne di camion lunghe 2-3 chilometri formatesi ai portali della galleria, «non sono stati registrati problemi particolari».

Qualora il numero dei camion che utilizzano il passo non dovesse subire un'impennata, ha aggiunto, il flusso di traffico sarà controllabile senza problemi.

Il traffico pesante viene bloccato in alternanza in una delle direzioni di marcia e i camion dispongono di una «finestra» di transito di 22 minuti ogni mezz'ora, ha precisato Ambass. Un lasso di tempo sufficiente che ha permesso ogni volta di riassorbire la colonna di camion che si era formata all'imbocco della galleria.

Non vi sono stati reclami da parte dei camionisti e gran parte del traffico pesante ha potuto attraversare la galleria prima di mezzogiorno, ha precisato Ambass. Il traffico delle auto sull'A13 è stato relativamente calmo.

La nuova regolamentazione è stata decisa venerdì in un incontro fra le autorità del cantone e della Confederazione. Il traffico alternato è in vigore da oggi per sei giorni alla settimana tra le 5.00 e le 22.00. I veicoli leggeri invece hanno libero accesso al traforo.

Le altre misure concordate fra Berna e Coira, come il divieto di sorpasso per mezzi pesanti tra Reichenau e Mesocco e la distanza minima tra camion di 150 metri, non sono invece ancora in vigore. Saranno applicate al più tardi tra dieci giorni, quando sarà disponibile la relativa segnaletica.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo