Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

In pericolo i corsi di lingua e cultura italiana in Svizzera

I ritardi del ministero degli esteri a Roma (nella foto, la Farnesina) preoccupano la comunità italiana in Svizzera

(Keystone Archive)

La comunità italiana in Svizzera è in collera contro la Farnesina: i ritardi nei versamenti dei contributi minacciano i corsi delle circoscrizioni consolari.

Il grido d'allarme è stato lanciato sabato in una conferenza stampa di protesta a Berna, durante la quale è pure stata manifestata la volontà di mobilitazione.

La situazione è tragica, ha sintetizzato Luciano Alberucci, presidente del Comitato attività scolastiche e culturali italiane (CASCI) della Circoscrizione consolare di Berna. Oltre al fatto che il contributo del Ministero italiano degli esteri viene solitamente concesso solo a gennaio, mentre i corsi iniziano già in agosto, i ritardi che si registrano nei versamenti, obbligano il CASCI a ricorrere a crediti bancari e quindi a pagare interessi passivi.

Il problema esiste da vent'anni, ma ora la situazione è precipitata. Nel 2001 il CASCI di Berna ha ricevuto solo un acconto in agosto, che non è bastato a coprire i costi di gestione. Il saldo non è ancora pervenuto e l'importo del contributo per il 2002 è ancora ignoto, ha spiegato Alberucci. È così aumentato l'indebitamento e di conseguenza anche gli interessi passivi.

Insegnanti e personale amministrativo senza stipendio

I primi a farne le spese sono i docenti e il personale amministrativo, che da gennaio non ricevono più lo stipendio. Ancora peggio sono gli arretrati degli oneri sociali: il CASCI-BE non ha più versato i contributi AVS-AI-AD dall'ottobre 2001 e quelli della cassa pensione dal gennaio 2001.

A nome degli insegnanti, Francesco Margarone ha chiesto che lo «Stato italiano assolva quello che è un suo dovere istituzionale» nei confronti dei suoi cittadini all'estero, ossia che finanzi i corsi come dovuto. Dopo aver rilevato che i salari dei docenti di lingua e cultura italiana sono già particolarmente bassi, Margarone ha ricordato che oltretutto gli insegnanti hanno famiglie a carico.

Membri del CASCI devono pagare di tasca propria

L'indebitamento del CASCI ha gravi conseguenze anche per i suoi membri, i quali si sono fatti garanti di fronte alle banche e di fronte alla legge. «Siamo noi che firmiamo la richiesta di credito e di conseguenza dobbiamo pagare. Così come siamo noi che dobbiamo rispondere del corretto versamento degli oneri sociali», ha puntualizzato Luciano Alberucci.

Il caso di Berna non è isolato: nelle stesse difficoltà si trovano tutti i CASCI, hanno confermato numerosi rappresentanti di altre circoscrizioni consolari presenti sabato nella capitale federale. Comune anche la determinazione a chiedere con forza il rispetto dei propri diritti allo Stato italiano. Per esercitare pressioni su Roma, i rappresentanti dei CASCI hanno sollecitato l'intervento dei Comitati degli italiani all'estero (COMITES) e del Consiglio generale degli italiani all'estero (CGIE). L'appello a tutta la comunità italiana in Svizzera è alla mobilitazione.

swissinfo e agenzie

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×