Combattere la fame vietando la speculazione sui beni alimentari

La campagna sull’iniziativa popolare «Contro la speculazione sulle derrate alimentari», lanciata dai giovani socialisti, è iniziata lunedì. La proposta è in votazione il prossimo 28 febbraio.

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 dicembre 2015 - 07:57
swissinfo.ch e tvsvizzera.it (TG del 14.12.15)

L’obiettivo numero uno dell’iniziativa, presentata lunedì a Berna, è di combattere la fame nel mondo. Inoltre, con questo testo si vuole stabilizzare i prezzi delle materie prime agricole – come mais, grano e soia – per aiutare i contadini, le industrie del settore alimentare e non da ultimo i consumatori.

I promotori dell’iniziativa chiedono che in Svizzera siano vietati gli investimenti nelle materie prime agricole e più in generale sulle derrate alimentari.

«Questa iniziativa è necessaria per fermare il business della fame», ha detto la direttrice di Swissaid Caroline Morel. «Oggi nel mondo 800 milioni di persone soffrono di fame ed è uno scandalo. Se da una parte le speculazioni con le derrate alimentari non sono necessarie per garantire l'andamento degli affari, dall'altra aumentano i prezzi e le oscillazioni dei prezzi. E questo per le famiglie povere, nei paesi in via di sviluppo, significa fame e povertà».

Tuttavia, nel settore delle materie prime agricole, sono in molti a contestare il legame tra investimenti e aumento dei prezzi.

Sia il parlamento, sia il Consiglio federale respingono l'iniziativa, ritenendo l'obiettivo lodevole, ma il metodo sbagliato. In riferimento ai forti aumenti di prezzo registrati nel 2008 e nel 2011, ad esempio, il governo ritiene che a pesare non siano state le speculazioni ma le condizioni meteo sfavorevoli e il bassissimo livello di scorte.

La decisione finale, il prossimo 28 febbraio, spetterà a popolo e cantoni.

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo