Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

L'aeroporto di Ginevra vola basso

L'Aeroporto internazionale di Ginevra (AIG) ha presentato un bilancio modesto per il 2001, anno disastroso per i trasporti aerei.

A Ginevra, il traffico passeggeri ha registrato un calo del 3,6 per cento. I conti sono terminati con un utile netto di 25,7 milioni di franchi.

«I risultati non sono paragonabili a quelli eccezionali del 2000», ha rammentato Carlo Lamprecht, presidente del consiglio di amministrazione dell'AIG, presentando la relazione annuale. Allora lo scalo di Cointrin aveva chiuso con un utile record di 46,5 milioni di franchi.

Ginevra meglio di Zurigo

Il rallentamento del traffico passeggeri, delineatosi in aprile e rafforzatosi dopo gli attentati dell'11 settembre, ha comunque toccato meno Ginevra rispetto a Zurigo (meno 7,5 per cento) e Basilea (meno 6 per cento), ha precisato Jean-Pierre Jobin, direttore dell'aeroporto.

La flessione dell'attività di Swissair (18,8 per cento) e di Crossair (9,4 per cento) è stata compensata in parte «dall'effetto easyJet». La compagnia a bassi prezzi ha proseguito la sua crescita a Ginevra con una quota del mercato pari al 16,5 per cento nel 2001 (13,4 per cento nel 2000). Seguono British Airways (8,7 per cento), Air France (8,4 per cento) e Lufthansa (7,2 per cento).

Calo del 7% per tutto il 2002

Il primo semestre di quest'anno terminerà con un calo del 6 per cento per il traffico passeggeri. «Non ci sorprende, l'avevamo previsto», ha aggiunto Jobin. La flessione ha raggiunto il 25 per cento a Zurigo e il 15 per cento a Basilea.

Per l'intero 2002 lo scalo ginevrino prevede un calo del 7 per cento. L'AIG negozia attualmente con diverse compagnie per il rilevamento di linee abbandonate dopo il dissesto di Swisswings.

Il giro d'affari di Cointrin è ammontato a 187,1 milioni nel 2001, contro i 190,8 milioni nel 2000. Il numero dei dipendenti è passato da 487 a 500 persone.

swissinfo e agenzie


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza