La BNS sceglie Bruno Gehrig alla presidenza del direttorio

Il neo eletto presidente del direttorio della Banca nazionale svizzera Bruno Gehrig in un'immagine realizzata nel gennaio del 1997 Keystone

Il Consiglio della Banca nazionale svizzera (BNS) raccomanda al Consiglio federale di nominare Bruno Gehrig alla carica di presidente del direttorio generale dell'istituto di emissione. Quale terzo membro del direttorio viene proposto Niklaus Blattner.

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 settembre 2000 - 17:17


Nessuna chance quindi per il rivale Jean-Pierre Roth, il candidato vallesano che dal 1996 svolge la carica di vice-presidente della BNS. Generalmente la scelta proposta dal Consiglio della banca centrale viene infatti rispettata dal Consiglio federale. La decisione del governo svizzero è attesa entro la fine di ottobre.

La candidatura di Roth era vivamente sostenuta dalla Romandia, che dalla creazione della BNS nel 1907 è riuscita a piazzare un solo rappresentante francofono alla presidenza dell’istituto di emissione.

La corsa alla presidenza è entrata nella sua fase finale lunedì scorso, con la riunione dei 10 membri del Consiglio della BNS - tre rappresentanti dei radicali, tre dei popolari democratici, tre dei socialisti e uno dell'Unione democratica di centro. La proposta del Consiglio è stata approvata a grande maggioranza venerdì dal Comitato della BNS, formato da 40 membri.

Bruno Gehrig, 54 anni, è entrato a far parte della BNS 4 anni fa e viene considerato uno dei massimi esperti svizzeri di politica monetaria. Legato al Partito popolare democratico, Gehrig ha svolto la carica di docente all'Università di Berna, prima di entrare nel settore privato.

Negli ultimi anni Gehrig ha esercitato un forte influsso all’interno del direttorio della BNS, formato da 3 membri. Il sangallese avrebbe infatti determinato buona parte delle decisioni strategiche, a cominciare dalla volontà di mantenere stabile il rapporto tra il franco e l’euro. Gehrig ha inoltre sostenuto un allentamento della politica monetaria, allo scopo di favorire il rilancio economico.

Quale terzo membro del direttorio generale il Consiglio della BNS propone invece la nomina di Niklaus Blattner, docente all’Università di Basilea e specialista nei settori del mercato del lavoro e dell’economia industriale.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo