Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

La miseria della classe contadina

Soprattutto la diminuzione del prezzo del latte preoccupa gli agricoltori

(Keystone)

Prezzi del latte in discesa, erosione del reddito, peggioramento delle condizioni di lavoro.

I contadini svizzeri sono in difficoltà e scendono in strada in tutto il paese per manifestare contro la politica agricola della Confederazione.

Le manifestazioni, iniziate venerdì a Morges, nel canton Vaud, proseguiranno fino al 1° settembre. "Ma siamo pronti a continuare la lotta", ha affermato Hansjörg Walter, presidente dell'Unione svizzera dei contadini (USC).

Il malcontento degli agricoltori e allevatori si rivolge in particolare contro la politica agricola 2007 della Confederazione. Il piano, che sarà discusso in parlamento in autunno, prevede tra l'altro l'abolizione del contingentamento del latte.

"Pensiamo che il Consiglio federale abbia preso questa decisione troppo rapidamente, senza conoscere tutti i dati", ha detto a swissinfo Roland Furrer, portavoce dell'USC. "Sono inoltre necessarie misure di accompagnamento."

Ma i contadini sono preoccupati anche per il progressivo peggioramento delle loro condizioni di vita e per la diminuzione del reddito.

Meno introiti

Stando all'USC, i contadini hanno conosciuto lo scorso anno una netta diminuzione del loro reddito. Nel 2001, il guadagno medio di un'azienda è stato di 53'300 franchi, meno 7% rispetto agli anni 1998-2000.

Per persona attiva nel settore agricolo, il "salario" annuo è diminuito addirittura del 12%, per raggiungere i 30'356 franchi lordi, contro i circa 34'700 dei quattri anni precedenti.

L'USC ritiene perciò che molti contadini appartengano alla categoria dei "working poor". Le misure statali di sostegno all'agricoltura non bastano ad ovviare a questa situazione.

"I nostri contadini offrono molte prestazioni, tra cui la cura del paesaggio, e devono rispettare molte prescrizioni", osserva Roland Furrer. "La società chiede parecchio all'agricoltura e deve essere quindi disposta a pagarne le prestazioni."

Reddito complementare

L'Ufficio federale per l'agricoltura (UFA) relativizza però le difficoltà salariali dei contadini. "I redditi disponibili per i consumi sono in effetti superiori", sostiene Jacques Chavaz, vice-direttore dell'UFA.

"In ogni azienda c'è in media una forza lavoro e mezza. E, sempre in media, 18-19'000 franchi l'anno provengono da attività svolte all'esterno dell'azienda. Alla fine, una famiglia guadagna attorno a 65'000 franchi l'anno."

Dalla produzione allo sviluppo sostenibile

Le manifestazioni dei contadini svizzeri si inseriscono nel quadro del dibattito sul pacchetto di misure della Confederazione denominato "Politica agricola 2007".

La riforma in discussione è un ulteriore passo in direzione di una ristrutturazione profonda dell'agricoltura elvetica.

"In dieci anni, molte cose sono cambiate", dice Carol Franklin, ex-direttrice del WWF, esperta di sviluppo sostenibile. "Oggi, il 10% della produzione agricola è biologica, il resto è produzione integrata (che fa cioè un uso limitato di pesticidi e fertilizzanti)."

Una trasformazione che è in linea con la politica della Confederazione. Se lo stato continua a sostenere finanziariamente l'agricoltura, e continuerà a farlo anche dopo il 2007, il sistema di sussidi alla produzione è stato progressivamente abbandonato a favore dei pagamenti diretti.

Aziende troppo piccole

In altre parole, Berna preferisce pagare i contadini per le prestazioni che offrono alla società - cura del paesaggio e agricoltura biologica - piuttosto che per la produzione di alimenti.

Ma la ristrutturazione è lontana dall'essere conclusa. Come nota Carol Franklin, le aziende agricole in Svizzera sono ancora troppo piccole, se paragonate a quelle dei paesi vicini.

Nell'Unione europea, le aziende hanno una superficie media di 60 ettari. In Svizzera, la media non raggiunge i 15 ettari.

Soprattutto nelle regioni di montagna, il futuro dei piccoli contadini svizzeri appare tutt'altro che roseo.

Andrea Tognina, swissinfo

Fatti e cifre

Reddito per persona nell'agricoltura, 2001:
regioni di montagna: 20'809 fr.
regioni collinari: 28'458 fr.
pianura: 37'523 fr.
media: 30'356 fr.

Fine della finestrella

In breve

I contadini si dibattono fra difficoltà crescenti. E non apprezzano i propositi di riforma del ministro dell'economia Pascal Couchepin. Sia sul fronte dei redditti, sia su quello del prezzo del latte, la classe contadina vede il suo futuro minacciato. Motivo sufficiente per far sentire la propria voce.

Fine della finestrella

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.