Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

La recessione ha pesato sul turismo nel 2009

La crisi economica si è fatta sentire l'anno scorso anche sui risultati dell'industria turistica. Per la prima volta dal 2003, il volume d'affari generato dal turismo internazionale in Svizzera è risultato in calo di quasi il 4%.

Nel 2009, i viaggiatori stranieri hanno sborsato 15 miliardi di franchi in Svizzera, una somma in flessione del 3,8% rispetto al 2008. Secondo quanto indicato martedì dall'Ufficio federale di statistica (UST), oltre i due terzi delle spese fatte nella Confederazione da residenti all'estero è da ricondurre a viaggi con pernottamenti. Tale voce ha subito una contrazione del 7,9% a 7,6 miliardi di franchi.

I turisti svizzeri hanno invece speso 11,5 miliardi di franchi l'anno scorso all'estero, facendo registrare un calo del 2,4%. La bilancia turistica elvetica evidenzia quindi un'eccedenza di 3,5 miliardi di franchi, 316 milioni in meno dell'anno precedente.

I proventi dei soggiorni di studio e ospedalieri sono invece progrediti del 6,5% a 2,4 miliardi di franchi, un aumento riconducibile soprattutto al numero crescente di studenti stranieri presso le università svizzere. I ricavi del turismo giornaliero e di transito sono diminuiti dell'1,5% a 3,2 miliardi di franchi. Le spese di consumo dei frontalieri e dei dimoranti temporanei hanno segnato infine una flessione del 2,2% a 1,7 miliardi di franchi.

swissinfo.ch e agenzie


Link

×