Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

La Svizzera chiude il capitolo sui fondi Abacha

In totale, il generale Sani Abacha avrebbe sottratto alle casse della Nigeria 2,2 miliardi di dollari

(Keystone)

Berna ha ordinato la restituzione alla Nigeria di 170 milioni di dollari sottratti dall'ex-generale Sani Abacha e bloccati su conti svizzeri.

I pagamenti dovranno essere effettuati nei prossimi giorni presso la Banca dei regolamenti internazionali, che si occuperà della transazione.

La somma di 170 milioni di dollari (217,8 milioni di franchi) sarà inizialmente trasferita presso la Banca dei regolamenti internazionali di Basilea, che li verserà poi alla Banca centrale nigeriana. Lo ha annunciato mercoledì il portavoce del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), Livio Zanolari.

Nel 1999, 700 milioni di dollari versati su conti svizzeri erano stati bloccati in seguito a una richiesta di assistenza giudiziaria da parte della Nigeria. Di questi, 200 milioni erano già stati restituiti nel 2003.

Nel febbraio del 2005, la Corte suprema elvetica aveva deciso la restituzione di altri 458 milioni di dollari e la Svizzera aveva in parte ottemperato all'ordine con un versamento di 290 milioni effettuato lo scorso mese di settembre. Con questo ulteriore versamento di 170 milioni, l'affare Abacha per la Svizzera dovrebbe concludersi.

Progetti di sviluppo

Nella primavera del 2004 sia il presidente Olusengu Obasanjo, sia il ministro delle finanze Ngozi Okonjo-Iweala avevano assicurato alle autorità svizzere che i fondi di Abacha sarebbero stati utilizzati per finanziare progetti di sviluppo nel campo della sanità, dell'educazione e delle infrastrutture (rete viaria e approvvigionamento idroelettrico) a vantaggio delle fasce più povere della popolazione rurale.

Alcuni progetti sono già stati finanziati lo scorso anno grazie a un credito intermedio. La Nigeria si è inoltre detta disposta a sottoporre i progetti di sviluppo a un monitoraggio da parte della Banca mondiale.

Assieme al suo clan, Sani Abacha aveva assunto le redini in Nigeria nel 1993 ed era rimasto al potere fino alla sua morte nel 1998. Secondo alcune stime, nel periodo in cui dirigeva il paese, Abacha e il suo clan avrebbero globalmente sottratto dalle casse della Banca centrale della Nigeria circa 2,2 miliardi di dollari.

swissinfo e agenzie

Fatti e cifre

2,2 miliardi di dollari sottratti da Abacha alla Nigeria fra il 1993 e il 1998.
700 milioni ritrovati su conti svizzeri e bloccati dalle autorità.
200 milioni restituiti alla Nigeria nel 2003.
Ordine di restituzione di altri 458 milioni di dollari da parte del Tribunale federale emesso nel febbraio del 2005.
290 milioni restituiti a settembre del 2005.
170 milioni saranno restituiti nel mese di novembre del 2005.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×