Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Micheline Calmy-Rey visita la Swisscoy

Dopo aver inaugurato il giorno precedente la nuova ambasciata svizzera in Kosovo, la ministra degli esteri elvetica Micheline Calmy-Rey ha reso visita sabato ai soldati della Swisscoy.

"Nessun altro paese europeo ha interesse, quanto la Svizzera, a sostenere il processo di pace e ad assicurare prospettive per il futuro in Kosovo", ha affermato la responsabile del Dipartimento federale degli affari esteri, in occasione della sua visita ai soldati della Swisscoy a Camp Casablanca, 70 km a sud-ovest di Pristina.

"In questo senso, la Swisscoy è un mezzo importante della politica estera elvetica", ha aggiunto Micheline Calmy-Rey, secondo la quale la presenza della Kfor (Forze di pace della Nato in Kosovo) resta la premessa di qualsiasi progresso nel nuovo Stato. "Non vi è alcun'altra alternativa realista, se non il mantenimento del vostro impegno per garantire la sicurezza".

A Camp Casablanca sono stazionati circa 220 soldati svizzeri, che collaborano con la Kfor, creata nel 1999 e comprendente circa 16'000 soldati. Il Consiglio Nazionale ha approvato all'inizio di marzo l'estensione del mandato della Swisscoy fino al 2011. Il Consiglio degli Stati dovrà pronunciarsi quest'estate.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×