Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Migros: il fatturato supera i 20 miliardi

Annata record per le casse registratrici della Migros

(Keystone Archive)

Nel 2001 il gruppo Migros ha realizzato per la prima volta un fatturato superiore ai 20 miliardi di franchi. Ora "i limiti di crescita sono praticamente raggiunti".

Le aziende dipendenti dall'estero, indica un comunicato della Migros, hanno risentito in misura crescente della brusca frenata dell'economia, mentre le cooperative hanno mantenuto perfettamente la rotta. Le dieci cooperative regionali hanno infatti totalizzato nel 2001 un giro d'affari complessivo di 13,985 miliardi di franchi (394 milioni di franchi o il 2,9% in più rispetto all'anno precedente).

Particolarmente forte la crescita dell'ultimo trimestre, che è stata su base annua del 4%. Il fatturato globale - comprendente quindi le società dipendenti dall'estero, l'operatore turistico Hotelplan, le scuole Eurocentres e i distributori di benzina Migrol - si è fissato a una soglia superiore ai 20 miliardi (19,7 miliardi l'anno precedente).

Hotelplan ha risentito degli attentati anti-americani dell'11 settembre. Le previsioni parlavano di annata record con una crescita del giro d'affari del 6-8%: a conti fatti l'espansione sarà inferiore al 5%.

Per il 2002 il «patron» della Migros Anton Scherrer prevede una crescita globale delle vendite del 2-4%. La moderata progressione del 2001 è dovuta al fatto che l'annata precedente - contrassegnata dal 75esimo di fondazione del gruppo - è stata particolarmente favorevole, ha commentato Martin Hotz, della società di consulenza Fuhrer e Hotz specializzata nel commercio al dettaglio.

«Migros, numero uno con una parte molto importante del mercato ha inoltre praticamente raggiunto i limiti di crescita». Le cifre consolidate del gruppo saranno comunicate il 30 aprile, quando è in programma una conferenza stampa sul bilancio.

swissinfo e agenzie


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×