Montreux nel Nevada: gli americani vogliono copiare un gioiello del turismo svizzero

Una gemella per Montreux negli Usa? Nella foto d'archivio il visitatissimo castello di Chillon, che ha contribuito a fare la reputazione turistica della regione Keystone

Una Montreux «made in USA» con il suo lago, il castello di Chillon, il Palace Hotel e, prossimamente forse, il suo festival del jazz: non si tratta di uno scherzo, ma di una realtà nello stato del Nevada. Sul lago Lemano si è piuttosto compiaciuti.

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 luglio 2000 - 09:13

Quando i media svizzeri tedeschi hanno riferito della vicenda, la notizia si è propagata come un lampo in Romandia. Ben pochi hanno pensato ad uno scherzo d'aprile. «Dagli americani ci si può aspettare di tutto», è stata la reazione. E in effetti «New Montreux» esiste: si trova sulle rive del lago Tahoe, vicino a Reno, Nevada.

L'unico problema è che i «cugini» finora non si sono fatti sentire, sebbene i giornali riportano il loro interesse ad allacciare contatti con la Svizzera. È per questo che l'amministrazione comunale della località vodese intende fare il primo passo.originale. E la copia, a quanto sembra, è di buona qualità.

Al Montreux Palace si è divertiti. «Prendiamo la cosa come un complimento», afferma un portavoce. «Gli americani hanno già copiato la Tour Eiffel e la regione del Lago di Como, è il loro modo di fare».

E il festival, è forse in pericolo? In effetti a livello musicale qualcosa si sta muovendo nel Nevada, ma in Svizzera non ci si scompone, anzi. «Negli Stati Uniti le manifestazioni di questo tipo sono numerose, ma nessuna riesce a detronizzare Montreux», si dice convinta una responsabile.

Magari si potrà collaborare: per questo motivo Claude Nobs, direttore del festival di Montreux, si recherà negli USA per dare uno sguardo in giro. Ma al momento ha altri problemi: il festival è infatti cominciato venerdì: l'originale, ben inteso...

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo