Navigation

Mugabe: Svizzera più severa

Allineandosi all'Unione europea, la Confederazione ha adottato nuovi provvedimenti nei confronti dello Zimbabwe.

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 dicembre 2008 - 14:52

Il Dipartimento federale dell'economia ha comunicato lunedì di avere aggiunto 11 nuove persone all'allegato 2 dell'ordinanza che istituisce provvedimenti nei confronti dello Zimbabwe. La Svizzera adotta così gli stessi provvedimenti decisi recentemente dall'Unione europea.

Le 11 persone inserite nella lista fanno parte dell'apparato di potere di Robert Mugabe. Gran parte di loro sono ritenute responsabili della violenta campagna condotta prima e dopo le elezioni presidenziali 2008 in Zimbabwe.

L'allegato 2 elenca le persone i cui averi e valori patrimoniali sono bloccati in Svizzera e che non possono entrare o transitare nella Confederazione. La lista contiene ora i nomi di 178 persone fisiche e 4 aziende. In base all'ordinanza, attualmente sono bloccati due conti per un ammontare di circa 547'000 dollari.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.