Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Caran d'Ache

Oggetto di culto, di grafite e legno di cedro, fotografato da Luca Zanetti.

I macchinari strepitano senza sosta nello stabilimento vicino al confine elvetico-francese. Si trancia, si danno le forme, si sega. Dalle masse di grafite e di legno di cedro californiano escono i lapis, uno dopo l'altro, in continuazione. Mentre le matite colorate sono fabbricate essenzialmente a macchina, la produzione di penne stilografiche e a sfera richiede molto lavoro manuale. Numerose parti minutissime vengono assemblate. "L'amore per il dettaglio da noi è spinto all'estremo", spiega la portavoce dell'azienda Renate Stern, indicando incisioni e decorazioni che solo l'occhio dell'intenditore individua immediatamente.