Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Parco Bruno Weber Nel regno della fantasia

Nella valle della Limmat, nel canton Zurigo, sorge il Parco Bruno Weber, che racchiude una collezione di opere d’arte unica nel suo genere in Svizzera. Fino a poco tempo fa, questo parco di 15'000 m2 era in procinto di chiudere i battenti. Ora però il suo futuro è assicurato. Tra una decina d’anni dovrebbe essere dichiarato monumento nazionale.

Un anno dopo la riapertura del Parco Bruno WeberLink esterno, i gerenti hanno motivo di gioire: un nuovo consiglio di fondazione presieduto da Isabelle Cart (ex assistente del famoso storico dell’arte e curatore svizzero Harald Szeemann) ha esaminato nei minimi dettagli il parco ed elaborato un concetto per risanarlo e svilupparlo ulteriormente. Stando a quanto scritto dal Tages-Anzeiger, la struttura dovrebbe essere dichiarata monumento nazionale entro dieci anni.

Attraverso le sue creazioni, Bruno Weber (1931-2011) si è interrogato soprattutto sulle relazioni tra uomo, natura e territorio. Questo in una regione – la valle della Limmat – che ha conosciuto un grande sviluppo industriale. Le opere sono appunto esposte in questo parco unico nel suo genere.

Col passare del tempo, il parco è diventato una sorta di oasi in una regione sempre più urbanizzata: 15'000 metri quadrati disseminati di sculture e ricoperti di alberi e giardini d’acqua. Nel 2004, il parco è stato dichiarato dal cantone zona protetta.

La vedova dell’artista Maria Anna Weber ci racconta della vita del suo defunto marito e del suo approccio all’arte. 

(Diaporama di Ester Unterfinger, swissinfo.ch)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

In evidenza