Navigation

La risposta a tutto è il capitalismo degli stakeholder?

Oliver Classen dell'ong svizzera Public Eye parla del nuovo 'Manifesto di Davos' lanciato dal Forum economico mondiale (WEF) in occasione del 50° anniversario della sua fondazione.

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 gennaio 2020 - 16:00

Il manifestoLink esterno promuove l'idea di 'capitalismo degli stakeholder', un modello secondo cui le aziende private non solo soltanto entità in cerca di profitto, ma pure degli amministratori fiduciari della società.

Secondo il fondatore del WEF Klaus Schwab, questa forma di capitalismo è l'unica che unisce la responsabilità sociale, inclusa la questione ambientale, al sistema dell'economia di mercato. L'edizione 2020 del Forum economico mondiale intende sostenere governi e istituzioni a raggiungere gli obiettivi dell'Accordo di Parigi sul clima e dello sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

A colloquio con swissinfo, Oliver Classen dell'ong Public EyeLink esterno (in passato 'Dichiarazione di Berna') esprime forti dubbi su un manifesto che secondo lui rappresenta soltanto un modo per evitare nuove regolamentazioni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.