Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Neuchâtel si conferma un cantone a sinistra

Il nuovo consigliere agli Stati neocastellano: il socialista Pierre Bonhôte

(Keystone)

Neuchâtel continuerà ad essere l'unico cantone in Svizzera ad essere rappresentato al Consiglio degli Stati da una "doppietta" socialista.

Pierre Bonhôte ha vinto domenica il secondo turno dell'elezione suppletiva per la successione di Jean Studer (PS) alla Camera dei cantoni.

Il candidato socialista, sostenuto dalle altre formazioni di sinistra del cantone, ha riunito il 52.7% delle preferenze, corrispondenti a 24'996 suffragi.

Il suo avversario dell'Unione liberale-radicale Philippe Bauer ha raccolto il 43.8%, pari a 20'747 voti.

L'indipendente Lukas Jäggi si è collocato al terzo rango con il 3.5% (1'675 suffragi). La partecipazione è stata del 38.04% contro il 36% al primo turno.

La rimonta di Bonhôte

Il 30 ottobre, il rappresentante dei partiti della destra aveva occupato il primo posto della classifica, con il 40.4% dei voti.

Pierre Bonhôte era giunto secondo con il 32.2%, mentre il terzo posto era occupato dal candidato del partito operaio e popolare (POP - l'equivalente locale del partito del lavoro), Denis de la Reussille.

Il ritiro del sindaco di Le Locle, proposto dal POP in cambio di alcune concessioni da parte dei socialisti, ha permesso a Pierre Bonhôte di prendere il posto del collega di partito Jean Studer alla Camera dei cantoni e di perpetuare in questo modo per una legislatura la doppia rappresentanza neocastellana in seno al Consiglio degli Stati, inaugurata nel 2003 con l'elezione della socialista Gisèle Ory al posto dell'uscente radicale Michèle Berger-Wildhaber.

Il successore di Studer

L'elezione suppletiva è stata provocata dall'annuncio delle dimissioni di Jean Studer, eletto la scorsa primavera nell'esecutivo cantonale neocastellano.

Determinati a riconquistare il seggio perso nel 2003, i partiti liberale e radicale hanno formato l'Unione liberale-radicale e presentato un solo candidato, che ha beneficiato peraltro dell'appoggio esplicito dell'Unione democratica di centro.

Ciò non è però bastato per impedire l'elezione del rappresentante della sinistra unita.

Originario di Neuchâtel, Pierre Bonhôte ha 40 anni. Ex presidente del partito socialista neocastellano, è deputato al Gran consiglio dal 1989.

swissinfo e agenzie

Fatti e cifre

A Neuchâtel si svolgevano le elezioni di ballottaggio per la sostituzione di Jean Studer in Consiglio degli Stati.
Pierre Bonhôte (Partito socialista) ha ottenuto il 52.7% dei voti.
Philippe Bauer (Unione liberale radicale): 43.8%.
Lukas Jäggi (indipendente): 3.5%.

Fine della finestrella

In breve

Il Consiglio degli Stati è composto da 46 deputati in rappresentanza dei cantoni svizzeri. I semi-cantoni di Obvaldo, Nidvaldo, Basilea Città, Basilea Campagna, Appenzello Esterno e Appenzello Interno eleggono un deputato ciascuno; gli altri cantoni, due.

Dalle elezioni del 2003, il canton Neuchâtel è rappresentato da due socialisti nella camera alta del parlamento. Un caso unico in Svizzera.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×