Nuove regole per il traffico motorizzato

Le misure del governo intendono creare condizioni favorevoli per le piccole imprese e i tassisti Keystone

Il Consiglio federale ha varato mercoledì una serie di modifiche sul traffico motorizzato. Tra le novità spiccano: l'abolizione della «V» sulle targhe dei veicoli noleggiati e la possibilità per i tassisti di lavorare anche con un veicolo sprovvisto di tassametro se la loro auto abituale è in riparazione. Inoltre parcheggiare l'auto su una pista ciclabile sarà punito con una semplice multa disciplinare di 120 franchi e non sarà più oggetto di denuncia penale.

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 aprile 2001 - 11:12

Le modifiche concernono tre ordinanze: assicurazione dei veicoli, ammissione alla circolazione e multe disciplinari. Secondo il governo queste novità creano condizioni quadro favorevoli all'attività delle piccole e medie imprese (PMI) del settore automobilistico e dei tassì.

Per quanto concerne le targhe professionali - quelle contrassegnate da una «U» - i commercianti di automobili potranno consentire ai potenziali acquirenti giri di prova su strada senza essere accompagnati da un dipendente del garage. Per evitare abusi i commercianti dovranno tenere un registro. Inoltre le autorità cantonali competenti potranno derogare alle norme di attribuzione delle targhe con la «U» se non esistono rischi per la circolazione stradale e l'ambiente.

Infine le licenze di circolazione temporanea saranno concesse solo alle persone residenti in Svizzera. Secondo il Consiglio federale la misura permetterà di porre un freno all'uso illecito di targhe svizzere all'estero, per le quali l'Ufficio nazionale di assicurazione svizzero deve comunque garantire la copertura in caso di incidente.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo