Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

OPA britannica per Centerpulse

Max Link, CEO di Centerpulse, diventerà il numero due della compagnia nata dalla fusione

(swissinfo.ch)

La britannica Smith & Nephew (ortopedia) ha lanciato una offerta pubblica d'acquisto (Opa) per Centerpulse di un miliardo e mezzo di sterline: 3,2 miliardi di franchi.

La fusione creerebbe il terzo più grande produttore mondiale di apparecchiature ortopediche.

«Riteniamo che la fusione con Smith & Nephew rappresenti una chance molto attraente per gli azionisti», ha dichiarato Max Link, presidente della direzione e del consiglio di amministrazione di Centerpulse, ex Sulzer Medica raccomandando caldamente l'accettazione dell'Opa.

Anca e ginocchio

Nel settore delle protesi Centerpulse assumerebbe la posizione numero tre a livello mondiale per quelle dell'anca e sarebbe al quarto posto per quelle del ginocchio.

Il 74 per cento dei ricavi del nuovo gigante sarà realizzato nei settori delle articolazioni, della traumatologia, dell'artroscopia e degli impianti spinali e dentari.

S&N propone 25,15 nuove azioni e 73,52 franchi in contanti per ogni titolo Centerpulse, valorizzando l'azione del gruppo elvetico a 282 franchi svizzeri.

Cifre nere nel 2002

Il CEO Max Link si è rallegrato dei risultati raggiunti nel 2002. Nel settore ortopedico il giro d'affari si è fissato a 923 milioni di franchi, contro gli 855 milioni del 2001 (+8 per cento). In valute locali la progressione è stata del 14 per cento. Nei primi mesi di quest'anno gli affari «sono in linea con le attese».

Centerpulse, che è uscita dalle cifre rosse nel 2002, con un utile netto di 337 milioni di franchi dopo le perdite di 1,2 miliardi nel 2001, si dice convinta di poter crescere almeno come la media del mercato.

Trasferimento a Londra

La fusione tra Centerpulse e il gruppo britannico Smith&Nephew (S&N) comporterà il trasferimento della sede dell'impresa a Londra. Andranno così persi 40 dei 500 impieghi che la ex Sulzer Medica ha a Zurigo, ha indicato la portavoce Beatrice Tschanz, che ha aggiunto che non sono minacciati gli altri 2 800 impieghi di Centerpulse.

La Borsa ha reagito negativamente all'annuncio dell'Opa. Verso le ore 11.00 di giovedì, il titolo segnava una flessione del 5,4 per cento. Secondo gli analisti, il prezzo proposto è troppo basso.


Link

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×