Ottimi risultati per il settore alberghiero elvetico

Camere sempre più occupate per il hotels svizzeri Keystone

Il settore alberghiero svizzero ha sempre il vento in poppa. In febbraio, con 3,13 milioni di pernottamenti, ha sfiorato il primato del 1988. L'impulso principale è giunto dai turisti stranieri.

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 marzo 2001 - 10:58

Con una progressione di 201 000 pernottamenti, pari al 6,9 % rispetto a febbraio 2000, il settore alberghiero svizzero ha registrato il secondo miglior risultato per il secondo mese dell'anno, ha indicato martedì l'Ufficio federale di statistica (UST). I dati superano del 9,9 % la media di febbraio dei cinque ultimi anni.

La domanda interna è aumentata del 2,8 % ( più 37 000 pernottamenti) rispetto a febbraio 2000, raggiungendo quota 1,36 milioni di pernottamenti. I turisti stranieri sono aumentati del 10 %, raggiungendo il primato di 1,77 milioni di pernottamenti. La crescita riguarda in particolare Belgi, Tedeschi, Americani e Inglesi.

Nei due primi mesi dell'anno, il settore alberghiero elvetico ha venduto complessivamente 5,91 milioni di pernottamenti, ciò che - secondo l'UST - rappresenta pure un primato. Con 93 000 pernottamenti ( più 8,5 %), gli ostelli per la gioventù hanno a loro volta registrato un aumento in gennaio e febbraio.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo