Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Ovomaltina: venduto un altro simbolo svizzero

Novartis vende Ovomaltina e Caotina a Associated British Foods per 270 milioni di euro (circa 400 milioni di franchi). Le attività produttive rimangono a Berna.

Con gli orologi e i formaggi, l'"Ovo" rappresenta uno dei simboli commerciali di maggior successo della Svizzera.

Toblerone, Bally, Sugus, Valser ... ed ora anche l'Ovomaltina: un altro storico marchio svizzero se ne va all'estero. Novartis ha infatti annunciato la vendita del suo settore alimentazione e bevande, che comprende anche Ovomaltina, Caotina e Lacovo.

Una "cura dimagrante" che rientra nella nuova strategia lanciata a inizio anno dal gruppo svizzero. Nel mese di febbraio, Novartis aveva deciso di concentrarsi maggiormente sulla salute e la farmaceutica, rinunciando alla divisione alimenti dietetici e funzionali (Health and Functional Food).

Una parte di questa divisione ha quindi già trovato un acquirente: Associated British Foods (ABF) riprende tutto il settore alimentazione e bevande del gruppo di Basilea, tranne per gli Stati uniti e Portorico. Un settore che nel 2001 aveva generato un fatturato di 366 milioni di franchi, occupando 850 persone, di cui 280 in Svizzera.

Il gruppo britannico ha annunciato di voler garantire il mantenimento dei posti di lavoro. L'Ovomaltina continuerà ad essere prodotta negli impianti di Neuenegg (BE), appena inaugurati il mese scorso.

Altri settori in vendita

Il settore alimentazione e bevande rappresenta quasi la metà del giro d'affari della divisione alimenti dietetici e funzionali della Novartis, pari complessivamente a 850 milioni di franchi all'anno.

Il gruppo basilese deve ancora trovare acquirenti per i settori alimenti dietetici, prodotti dimagranti e prodotti sportivi, tra cui la nota bevanda Isostar. Nestlé sarebbe interessata a riprendere alcuni marchi di alimenti dietetici, dopo aver invece respinto invece l'acquisto dell'Ovomaltina.

La divisione alimenti dietetici e funzionali, per la quale sono impiegate complessivamente 2'400 persone, figura attualmente tra i sei campi di attività della Novartis. La sua cifra d'affari costituisce soltanto il 2 - 3% di quella totale del gruppo basilese, che ha superato i 32 miliardi di franchi nel 2001.

Il gruppo ABF è attivo soprattutto nel settore agro-alimentare a livello internazionale. La società britannica ha impiegato nel 2001 circa 34'000 persone e ha conseguito un fatturato pari a 10 miliardi di franchi.

Un marchio storico

Una delle primissime bevande energetiche a livello mondiale, l'Ovomaltina rappresenta uno dei marchi più prestigiosi del settore alimentare svizzero. La sua lunga storia risale già al 1865, in un laboratorio di Berna.

Alla ricerca di un prodotto per far fronte alle carenze alimentari, molto diffuse a quei tempi, il farmacista Georg Wander decise di puntare sulle virtù del malto d'orzo, già conosciute da oltre 2000 anni.

Wander riuscì per primo a sviluppare un estratto di malto, conservabile sotto vuoto, che ha rappresentato per decenni un nutrimento vitale per migliaia di bambini malnutriti e di anemici.

Il gusto e le qualità nutritive di questa bevanda furono poi migliorate dal figlio, Albert Wander, chimico e farmacista, che aggiunse circa un secolo fa anche uova e latte al malto. Nel 1904 questo prodotto venne commercializzato per la prima volta in Svizzera con il nome di Ovomaltine e quale preparato medicinale.

Già due anni dopo, il successo dell'Ovomaltina superò le frontiere: la bevanda venne venduta anche in Italia e in Gran Bretagna. Dagli anni 30, diventò un prodotto conosciuto e apprezzato anche in Asia e in America. Attualmente, l'Ovomaltina viene venduta in circa un centinaio di paesi.

Nel 1967, la Wander è stata incorporata nella Sandoz. Dalla fusione tra Sandoz e Ciba, nel 1996, la ditta bernese fa parte del colosso Novartis.

swissinfo e agenzie

Fatti e cifre

Novartis: 74'000 dipendenti, 32 miliardi di franchi di fatturato.
Associated British Food: 34'000 dipendenti, 10 miliardi di franchi di fatturato.
400 milioni di franchi saranno pagati da ABF per acquistare il settore alimentazione e bevande della Novartis.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×