Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Più camion su rotaia

L'associazione ecologista chiede l'ampliamento dell'autostrada viaggiante

(Keystone)

Secondo i delegati dell'ATA, entro la fine dell'anno prossimo altri 360'000 mezzi pesanti dovrebbero trovar posto sull'autostrada viaggiante.

L'Associazione Traffico e Ambiente (ATA) continua a sostenere un miglioramento del traffico combinato. L'obbiettivo dei delegati dell'ATA, riuniti domenica in assemblea a La Chaux-de-Fonds, è di trasferire 360'000 camion in più su rotaia entro la fine del 2003.

Concorrenza alla strada

L'ATA chiede l'estensione dell'autostrada viaggiante sugli assi del San Gottardo e del Lötschberg-Sempione. Materiale rotabile adeguato, come i vagoni di Modalohr, permetterebbe l'accesso di camion di quattro metri di altezza e una frequenza delle partenze e una puntualità in grado di far concorrenza alla strada, indica l'ATA in un comunicato.

I delegati si sono pure preoccupati dello sviluppo di zone a velocità limitata a 30 km/h. Dopo che il Consiglio federale ha agevolato l'introduzione di zone a velocità ridotta all'inizio dell'anno, l'ATA invita cantoni e comuni a utilizzare questo margine di manovra per migliorare la sicurezza.

Manuale tecnico per le autorità

I gruppi di interesse dovrebbero essere integrati nel processo di pianificazione e costruzione. L'ATA metterà le sue conoscenze tecniche, la sua esperienza e la sua motivazione a disposizione delle autorità con un manuale che sarà pubblicato in agosto, precisa il comunicato.

I delegati hanno infine preso conoscenza dei conti dell'associazione. Questi comportano un utile di 100'000 franchi per un giro d'affari di 40 milioni. Il buon risultato è dovuto all'eccellente performance del settore commerciale dell'ATA, indica l'associazione. Durante l'assemblea è pure stata nominata nel consiglio di amministrazione la presidente del Consiglio nazionale, Liliane Maury-Pasquier.


swissinfo e agenzie


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza