Merz assicura protezione al Giura agricolo

In occasione del tradizionale mercato e concorso dei cavalli nel canton Giura, gli agricoltori svizzeri hanno ribadito i loro timori per il futuro del settore. Presente alla manifestazione, il presidente della Confederazione Hans-Rudolf Merz ha assicurato sostegno e comprensione da parte del governo.

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 agosto 2009 - 16:13

«Posso assicurarvi che il Consiglio federale prende sul serio i problemi dell'agricoltura, dell'impiego e delle infrastrutture nella vostra regione», ha dichiarato Merz davanti alla folla accorsa a Saignelégier per il Marché-Concours. Gli agricoltori temono che la soppressione dei contributi all'esportazione – prevista a partire dal 1° gennaio 2010 – possa penalizzare il mercato dei cavalli all'estero e che la liberalizzazione del mercato del latte abbia conseguenze pesanti per tutto il settore.

L'aiuto statale è ancora più importante dal momento in cui i cavalli sono stati venduti negli ultimi tempi a dei costi che non coprono nemmeno lontanamente i costi di produzione, ha sottolineato il vicepresidente della manifestazione Bernard Varrin. Per quanto riguarda il mercato del latte, Varrin ha ricordato che l'agricoltura svizzera non potrà produrre questo alimento a 30 centesimi il litro come in Europa, applicando dei metodi conformi allo sviluppo sostenibile.

Il tradizionale mercato e concorso dei cavalli a Saignelégier, nel canton Giura, ha lasciato spazio quest'anno anche alla cerimonia di trasmissione della fiaccola delle Olimpiadi del formaggio di montagna. La manifestazione, che lo scorso anno si è svolta a Oberstorf, in Baviera, si terrà nella regione del "Tête-de-moine", fra il Giura e il Giura bernese. La fiaccola consegnata dagli organizzatori tedeschi è la stessa utilizzata dall'atleta Gunter Zahn ai Giochi olimpici di Monaco nel 1972.

swissinfo.ch e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo