Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Svizzeri favorevoli al suicidio assistito



Aiuto al suicidio, tema controverso.

Aiuto al suicidio, tema controverso.

(Keystone)

La maggioranza degli svizzeri è favorevole al suicidio assistito e autorizzerebbe l’eutanasia attiva per le persone che soffrono di malattie incurabili allo stadio terminale. Sono contrari però al turismo della morte. Lo rivela un sondaggio dell’università di Zurigo.

L’indagine, la prima nel suo genere nella Confederazione, è stata realizzata dall’Istituto criminologico dell’ateneo zurighese su un campione di circa 1500 persone, interrogate fra maggio e giugno nella Svizzera tedesca, romanda e italiana. Le domande vertevano su sei casi di persone che soffrono di malattie incurabili allo stadio terminale.

L’aiuto al suicidio in Svizzera è tema di discussione da anni. A differenza della maggior parte dei Paesi europei, la Confederazione ha infatti un approccio piuttosto liberale all’assistenza al suicidio. Il suicidio assistito, ovvero togliersi la vita con l’aiuto di un’altra persona, non è infatti punibile se avviene senza motivi egoistici.

È una situazione giuridica che scontenta un po’ tutti: molti partiti politici e le Chiese ritengono infatti necessaria una regolamentazione più severa in questo ambito e vorrebbero rendere l’aiuto al suicidio perseguibile penalmente.

Diversità d’opinione

Il sondaggio, pubblicato giovedì, evidenzia invece un’opinione maggiormente liberale da parte della popolazione elvetica. Stando all’inchiesta, il 60% degli intervistati ha infatti affermato di approvare l’eutanasia attiva diretta, ovvero porre termine attivamente alla vita di un moribondo su sua esplicita richiesta.

Sette persone interrogate su dieci è inoltre favorevole all’impiego di sedativi per alleviare le sofferenze dell’ammalato, farmaci che potrebbero però abbreviargli la vita. Anche la rinuncia ad avviare terapie di sostentamento vitale o la loro sospensione trova ampi consensi: 85% è favorevole a questa opzione.

Le opinioni sulla questione sono comunque divergenti e trovare un consenso sulla questione non è per nulla facile. «La popolazione svizzera propende tuttavia per una certa autonomia sulla questione», ha affermato a swissinfo.ch l’autore dello studio, il professore Christian Schwarzenegger.

Stando allo stesso Schwarzenegger, lo studio mostra inoltre che in Svizzera bisognerebbe meglio regolare l’aiuto al suicidio. Ed è ciò che intende fare il governo federale.

Assenza di chiare regole

La mancanza di regole chiare a livello nazionale – esistono invece delle disposizioni a livello cantonale – ha dato vita al cosiddetto “turismo della morte”. Infatti, negli ultimi anni sono nate alcune organizzazioni di aiuto al suicidio, che dietro compenso accompagnano le persone alla dolce morte, a cui si rivolgono anche molte persone provenienti dall’estero.

Anche queste due problematiche sono state oggetto del sondaggio: due terzi degli intervistati si è detto contrario al turismo della morte e soltanto il 36% farebbe ricorso alle organizzazioni di aiuto al suicidio.

Ed è stato proprio il turismo della morte ad indurre nel 2009 il governo svizzero a proporre delle modifiche alla legislazione elvetica al fine di impedire che l’assistenza al suicidio si trasformasse in un’attività orientata al profitto.

Un anno fa la ministra di giustizia Eveline Widmer-Schlumpf ha così presentato in consultazione una proposta di legge maggiormente restrittiva. Durante la procedura sono tuttavia piovute aspre critiche sul piano governativo di disciplinare in maniera più severa l’assistenza al suicidio. La ministra di giustizia Eveline Widmer-Schlumpf ha dichiarato quindi di voler rivedere il progetto di legge.

swissinfo.ch

Eutanasia

Eutanasia attiva diretta: porre attivamente e direttamente termine alla vita di un moribondo, su sua esplicita richiesta, al fine di liberarlo da sofferenze insopportabili e inevitabili.

Eutanasia attiva indiretta: impiego di mezzi per alleviare le sofferenze, i quali tuttavia come effetto secondario possono abbreviare la vita.

Eutanasia passiva: rinuncia ad avviare o sospensione di terapie di sostentamento vitale.

Aiuto al suicidio: una persona terza oppure un'organizzazione di aiuto al suicidio procura una sostanza letale al paziente, il quale la ingerisce senza l'aiuto di terzi.

Fine della finestrella

Suicidio assistito

Svizzera: il suicidio assistito (eutanasia passiva) è legale. È invece illegale l'eutanasia attiva.

Germania e Italia: il suicidio assistito è illegale.

Francia: in futuro l'eutanasia passiva da parte di medici o parenti sarà legale

Paesi Bassi e Belgio: è permesso togliere la vita ad una persona che desidera morire.

Gran Bretagna: in Europa è una delle legislazioni più severe e restrittive sul suicidio assistito. Molti cittadini britannici vengono in Svizzera per porre fini ai loro giorni

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza