Navigation

Skiplink navigation

Le incognite dello smantellamento delle centrali

Beznau I, nel canton Argovia, è la più vecchia centrale nucleare al mondo in attività. Quando fu aperta nel 1969 la gente guardava con favore la nuova tecnologia. Dopo quanto successo a Chernobil e a Fukushima l’atteggiamento è però cambiato. (SRF/swissinfo.ch)

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 novembre 2013 - 13:35

L’impianto di Beznau ha 44 anni. Troppo vecchio per coloro che si oppongono all’energia nucleare, che vorrebbero vederlo disattivato il prima possibile.

Finora non è però stata presa nessuna decisione su quando il reattore dovrà essere spento.

La Axpo, azienda proprietaria dell’impianto, ha annunciato un investimento di 700 milioni di franchi per migliorare la centrale.

I coperchi del contenimento secondario dei reattori sono stati sostituiti e un nuovo sistema di alimentazione elettrica d’emergenza sarà installato nel 2015.

La centrale nucleare di Mühleberg, nel canton Berna, sarà invece disattivata nel 2019.

Dopodiché potrà iniziare lo smantellamento.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo