"Da mezz’anno in Uruguay e non ho ancora visto un cavallo"

Lo svizzero Jean-Rodolphe Linder vive e lavora a Montevideo. Ruben Giménez Viera/latinphoto.org

Il giovane diplomatico Jean-Rodolphe Linder ha assunto il suo primo incarico in ambasciata all'inizio dell'anno. Si è trasferito a Montevideo, per una nuova vita. Poi è arrivata la pandemia. Era una nuova vita. Ecco il suo protocollo.

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 giugno 2020 - 10:00
Ruben Giménez Viera, swissinfo.ch

"Mi chiamo Jean-Rodolphe Linder, ho 25 anni. Lavoro all'ambasciata svizzera in Uruguay e Paraguay.

Vengo da Basilea. Ho studiato a San Gallo e ho lavorato a Zurigo prima di venire in Uruguay. Qui lavoro con uruguaiani e svizzeri. Si parla francese, tedesco e spagnolo.

I miei genitori volevano venire a trovarmi il mese scorso, ma il viaggio è stato annullato a causa della crisi e della chiusura delle frontiere. Per gli europei, l'Uruguay non è necessariamente la destinazione numero uno.

Naturalmente resto in contatto con gli amici in Svizzera, soprattutto ora che tutto è chiuso. Il contatto digitale è ancora più intenso. Non ho rotto nessun ponte.

Ruben Giménez Viera/latinphoto.org

La pandemia ha cambiato molto il mio lavoro, perché non potevo uscire e non potevo incontrare nessuno - una parte importante del lavoro di un'ambasciata. Anche la mia vita personale è diversa, più solitaria. Non ero abituato a questo grado di isolamento.

In realtà sono venuto in Uruguay per conoscere il paese, la regione e la gente. Ora, dopo quattro mesi qui, non ho ancora visto la capitale argentina Buenos Aires, né il dipartimento uruguaiano di Colonia, né un cavallo all'interno del paese. Spero che questo avvenga ancora.

Di tanto in tanto mi mancano semplici cose svizzere come certe spezie o piatti, per esempio il formaggio, e naturalmente alcune persone.

Quello che mi piace dell'Uruguay è tutto ciò che unisce gli abitanti di questo paese. Certo, la situazione politica sembra essere molto polarizzata, ma in realtà qui quasi tutti si conoscono. Innumerevoli tradizioni uniscono il paese, che si tratti di mate, calcio, barbecue o gnocchi il 29esimo giorno di ogni mese. Questo legame è quasi più forte della coesione in Svizzera".

Ruben Giménez Viera/latinphoto.org

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo