Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Lega musulmana mondiale Islam: “La Svizzera è un importante centro per i sauditi”



La più grande moschea svizzera si trova a Le Petit-Saconnex, vicino a Ginevra. È stata fondata nel 1978 grazie a finanziamenti dell'Arabia Saudita.

La più grande moschea svizzera si trova a Le Petit-Saconnex, vicino a Ginevra. È stata fondata nel 1978 grazie a finanziamenti dell'Arabia Saudita.

(AFP)

Guidata dall’Arabia Saudita, la Lega musulmana mondiale è un’organizzazione ricca ed influente, anche in Svizzera. Nelle sue trenta moschee presenti sul territorio elvetico promuove un’interpretazione dell’islam che favorisce la radicalizzazione, afferma l’esperta Saida Keller-Messahli.

“La lega sostiene i musulmani in tutto il mondo, soprattutto in Occidente, dove il numero di fedeli è in costante crescita”, afferma Nabil Arab, direttore della Fondazione del Re Faysal di Basilea, uno dei due centri culturali islamici in Svizzera che sono finanziati dall’Arabia Saudita.

Arab è entrato in contatto con la Lega musulmana mondiale 14 anni fa e ha partecipato a diverse conferenze coordinate dall’organizzazione in Arabia Saudita. Si dice affascinato dalla regione del Golfo e dal suo rapido sviluppo, loda la generosità dei padroni di casa, le capacità organizzative della Lega e la saggezza degli studiosi dell’islam invitati ai diversi eventi.

Alla domanda se la Lega è un’organizzazione radicale, Arab risponde: “Assolutamente no. Sono persone cordiali e ben istruite”. La Lega, afferma Arab, lavora per la pace e promuove perfino delle conferenze antiterrorismo.

Il wahabismo come unico vero islam

La veridicità di queste affermazioni è però ancora da dimostrare visto che uno degli studiosi invitati alle conferenze della Lega è Yusuf al Qaradawi. Il famoso predicatore sostiene, tra le altre cose, che un uomo dovrebbe avere il diritto di picchiare la moglie e che il tradimento dovrebbe essere punito con la pena di morte. Yusuf al Qaradawi ha anche affermato che l’ideologia islamica conquisterà l’Europa.

Di fatto, la Lega musulmana mondiale è attiva in tutti i continenti e rappresenta la più grande organizzazione religiosa al mondo, sostiene la presidente del Forum per un islam progressista, Saida Keller-Messahli, in un’intervista alla radio svizzero-tedesca SRF.

La Lega musulmana mondiale è stata fondata nel 1962 in Arabia Saudita, in contrapposizione alla sete di democrazia dei paesi arabi. È guidata da sauditi e ha come obiettivo di convertire i musulmani di tutto il mondo al wahabismo.

Occhi puntati sulla Svizzera

Secondo Saida Keller-Messahli, il wahabismo è una dottrina che “non considera per nulla le conquiste moderne, come il rispetto dei diritti umani o dei diritti individuali. L’ideologia saudita, che divide il mondo in bene e male e a volte diffonde contenuti razzisti e misantropi, ha le sue radici nella testa delle persone”. In altre parole, afferma l’esperta, i predicatori divulgano questi principi e fanno sì che penetrino nella mente dei fedeli.

Saida Keller-Messahli ritiene che la Svizzera abbia un ruolo importante per l’Arabia Saudita, in particolare Ginevra. È qui infatti che è stato creato il primo centro della Lega all’estero e da poco la città ospita anche la sede del consiglio di coordinazione europeo. Un consiglio che, secondo l’esperta, ha legami con almeno trenta moschee in Svizzera. 

La Lega musulmana mondiale – o Lega del mondo islamico – è stata fondata nel 1962 a Mecca, dove ha tuttora sede, su iniziativa del re saudita Faysal.

Conta diversi uffici internazionali: Nigeria, Mozambico, Mauritius, Malesia, Kenya, Canada, Francia, Russia, Gibuti e la Somalia, Sud Africa, Mauritania, Comore, Togo, Tanzania, Burundi, Bangladesh, Pakistan, Austria, Maldive, Congo, Sudan, Senegal, Danimarca, Gabon, Bosnia, Giordania, Italia, Uganda, Indonesia, Australia e Regno Unito.

Diversi centri islamici culturali sono sostenuti dalla Lega, tra cui due in Svizzera: la Fondazione Re Faysal di Basilea e la Fondazione culturale islamica di Ginevra.

Fine della finestrella


(Traduzione dal tedesco, Stefania Summermatter)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×