Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Swiss adottata da Star Alliance

Swiss farà parte dall'anno prossimo della più grande alleanza aerea mondiale

(Keystone)

La compagnia aerea svizzera entrerà a far parte nel corso dell'anno prossimo di Star Alliance, l'alleanza aeronautica guidata dalla Lufthansa.

Prima della sua acquisizione da parte della compagnia tedesca, Swiss aveva tentato invano di aderire ad una delle tre grandi alleanze aeree mondiali.

Il processo di integrazione di Swiss nella rete Star Alliance, guidata da Lufthansa, è formalmente iniziato.

Il consiglio di direzione di Star Alliance, riunito in Giappone, si è pronunciato all'unanimità a favore dell'adesione di Swiss, ha indicato la compagnia aerea elvetica in un comunicato trasmesso giovedì mattina.

L'integrazione definitiva nell'alleanza aerea, che riunisce sedici aviolinee del mondo intero, dovrebbe avvenire nel corso dell'anno prossimo.

Una pietra miliare

«L'adesione alla Star Alliance rappresenta una pietra miliare per Swiss e i suoi clienti, che potranno così approfittare di un'ampia offerta», si è rallegrato il presidente della direzione generale di Swiss Christoph Franz.

Star Alliance – che trasporta ogni anno 360 milioni di passeggeri verso quasi 800 destinazioni – costituisce la prima alleanza aerea mondiale davanti alle concorrenti Oneworld e Skyteam.

Dall'anno prossimo, dopo la prevista integrazione di Swiss e delle
South African Airways – la cui entrata è pure stata confermata giovedì – l'alleanza disporrà di una rete di 846 destinazioni in 151 paesi.

La rete di collegamenti sarà consistentemente ampliata sia in Europa, sia sulle linee a lungo raggio con le Americhe, l'Africa e l'Asia.

Integrazione nella Lufthansa

Un anno fa, prima di venir assorbita dalla Lufthansa, la compagnia aerea svizzera aveva tentato senza successo di aderire all'alleanza Oneworld, capeggiata da British Airways.

Il vettore elvetico aveva fatto retromarcia dopo aver constatato che l'adesione avrebbe comportato costi troppo elevati e inconvenienti che non sarebbero stati compensati dai vantaggi derivanti dall'alleanza.

Per poter finalizzare l'integrazione nella Star Alliance, Swiss deve ancora adempiere determinate condizioni.

Nel giro dei prossimi dodici mesi dovrà modificare e armonizzare i suoi sistemi informatici, la formazione del personale e la consulenza alla clientela. La compagnia elvetica dovrà pure esaminare e cambiare numerosi documenti.

Parallelamente proseguirà l'integrazione di Swiss nella Lufthansa. Grandi passi in avanti dovrebbero essere compiuti a partire dall'autunno.

Primo raggruppamento aereo

Creata nel 1997, Star Alliance è diventata il primo raggruppamento globale di trasportatori aerei con una flotta complessiva di oltre 2500 velivoli.

Tenendo conto del numero di aeroplani, la più grande compagnia è l'americana United, seguita dalla Lufthansa e dalla US Airways.

In alto alla classifica, con oltre cento velivoli, si situano anche Air Canada, Scandinavian Airlines e la giapponese ANA.

Con 80 aerei, Swiss si colloca in posizione mediana, assieme a Thai, Austrian Airlines, Singapore Airlines e la brasiliana Varig.

swissinfo e agenzie

Fatti e cifre

Fondata nel 1997, Star Alliance è considerata la principale alleanza nel settore dell'aviazione civile, con una parte di mercato del 24 %.
Star Alliance raggruppa finora 16 compagnie aeree che trasportano ogni anno 360 milioni di passeggeri e viaggiano su quasi 800 destinazioni con oltre 15.000 voli giornalieri.
Entro un anno dovrebbero entrare a far parte di Star Alliance anche Swiss e South African Airways.
La loro integrazione permetterà di coprire 846 destinazioni in 151 paesi.

Fine della finestrella

In breve

I membri attuali di questa alleanza sono Lufthansa, Air Canada, Air New, Zealand, ANA (Giappone), Asiana Airlines, Austrian, bmi (Gran Bretagna), LOT Polish Airlines, Scandinavian Airlines, Singapore Airlines, Spanair, TAP Portugal, Thai Airways International, United, US Airways e VARIG Brazilian Airlines.

Fine della finestrella


Link

×