Swiss aggrava le perdite e riduce la flotta

Swiss ha annunciato una riduzione della flotta regionale Keystone

La compagnia aerea Swiss ha registrato nel primo semestre una perdita netta di 89 milioni di franchi. Un deficit in aumento rispetto ai primi sei mesi del 2004.

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 agosto 2005 - 09:08

Swiss ha pure annunciato una riduzione della sua flotta regionale da 35 a 24 velivoli. Il presidente del consiglio di amministrazione Pietre Bouw lascerà il suo posto a settembre.

Rolf Jetzer sarà proposto come nuovo presidente del consiglio di amministrazione (cda), il quale passerà da otto a cinque membri, ha annunciato giovedì Swiss. Il 55 enne Jetzer, già membro del cda della compagnia aerea basata in SVizzera dal maggio 2004, prenderà il posto del dimissionario Pietre Bouw.

L'annuncio sarà ufficializzato durante l'assemblea generale straordinaria del 22 settembre. I dirigenti di Swiss approfitteranno dell'occasione per presentare anche la nuova misura volta a semplificare la struttura della flotta regionale, ovvero la riduzione del numero di velivoli da 35 a 24.

Peggiorano le perdite, migliorano le prestazioni

Nei primi sei mesi dell'anno, la compagnia aerea elvetica ha assistito a un peggioramento della perdita netta, che si è fissata a 89 milioni di franchi contro i 33 milioni dello stesso periodo del 2004. Un peggioramento - indica il comunicato di Swiss - dovuto agli effetti di cambio di valuta.

Swiss, che sarà integrata alla tedesca Lufthansa, ha invece migliorato la propria performance sul piano operativo: l'EBIT (risultato operativo prima della deduzione di interessi, imposte e spese di ristrutturazione) si è fissato a -9 milioni di franchi, contro un deficit di 19 milioni del primo semestre dello scorso anno.

L'impennata del prezzo del carburante ha inciso sull'EBIT nella misura di 104 milioni di franchi supplementari, neutralizzando così in pratica gli effetti della ristrutturazione condotta dalla società.

«Swiss ha continuato a realizzare progressi notevoli durante il primo semestre», ha dichiarato il CEO Christoph Franz, il quale ha sottolineato che l'aumento del prezzo del carburante e l'erosione continua delle tariffe rappresentano oramai una grande sfida per tutto il settore dell'aviazione civile.

1'000 impieghi persi in un anno

Nonostante la realizzazione futura di sinergie dei costi con Lufthansa, Swiss ha annunciato di voler proseguire nei suoi sforzi di ristrutturazione.

In un anno, gli effettivi si sono già erosi di 1'000 persone e attualmente sono 6'477 i posti a tempo pieno.

swissinfo e agenzie

In breve

Nata ufficialmente il 31 marzo 2002, Swiss disponeva inizialmente di 133 velivoli e di oltre 10'000 posti di lavoro.

Nel 2002 ha registrato una perdita netta di 980 milioni di franchi, 687 milioni nel 2003 e 140 milioni nel 2004.

In seguito a diversi tagli, la flotta si è ridotta a 82 velivoli e gli effettivi a circa 6'500 impieghi.

End of insertion

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo