Tre assicurazioni svizzere condannate in Italia

In totale sono 38 le compagnie attive nell'assicurazione delle automobili ad aver subito una condanna Keystone

Le compagnie assicurative svizzere Winterthur, società che fa parte di del gruppo Credit Suisse, Zurich financial Services e Helvetia Patria dovranno pagare una multa in Italia. Le tre compagnie sono state riconosciute colpevoli di intesa illecita sulle tariffe per l'assicurazione delle automobili dal Tribunale amministrativo regionale del Lazio.

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 marzo 2001 - 19:35

Winterthur dovrà versare 33 milioni di franchi, ZFS 15 milioni e Helvetia Patria 3 milioni. Anna-Marie Kappler, portavoce di Winterthur, ha confermato la notizia. Complessivamente l'antitrust italiano ha inflitto a 38 assicuratori del settore della responsabilità civile automobili multe per 700 miliardi di lire (555 milioni di franchi).

Mercoledì il Tribunale amministrativo regionale del Lazio (Tar) ha respinto il ricorso delle compagnie di assicurazione che contestavano la 'mega-multa' inflitta dall'autorità che vigila sulla concorrenza con l'accusa di accordi ai danni del mercato.

Secondo il tribunale, le compagnie di assicurazione hanno scambiato delle informazioni sulle polizze d'assicurazione. A loro difesa, gli accusati hanno messo in rilievo il fatto che i dati relativi alle assicurazioni sulle automobili sono di dominio pubblico.

Contro la decisione del Tar è possibile ricorrere al Consiglio di Stato, la più alta istanza di diritto amministrativo in Italia. Le compagnie hanno un mese di tempo per decidere in merito. I tre assicuratori svizzeri, che avevano inoltrato il primo ricorso assieme, intendono consultarsi in vista di eventuali ulteriori passi.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo