Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Utile record di 5,85 miliardi per il Credit Suisse

Il Credit Suisse Group ha la sua sede centrale a Zurigo (Credit Suisse)

Il Credit Suisse, seconda maggiore banca svizzera, ha registrato un utile di 5,85 miliardi nel 2005. L'aumento del 4% è però inferiore alle attese degli analisti.

Per il gruppo elvetico, l'afflusso netto di nuovi capitali ha totalizzato 58,4 miliardi.

Il Credit Suisse Group ha leggermente aumentato i suoi risultati nel 2005: la seconda banca elvetica ha registrato un utile netto di 5,85 miliardi di franchi, con una crescita del 4% rispetto al 2004.

«L'anno 2005 è stato decisivo: abbiamo raggruppato le nostre entità bancarie pur sviluppando gli affari e accrescendo il nostro rendimento», ha commentato il patron Oswald Grübel.

Il risultato, sebbene da record, rimane inferiore alle aspettative degli analisti, che avevano previsto un utile netto di 6,35 miliardi.

Titolo in calo

Secondo gli analisti della Burkhalter Asset Management, «il risultato non raggiunge né la qualità né la quantità delle cifre presentate da UBS o Deutsche Bank. Delude in particolare lo sviluppo operativo nel settore degli investimenti e la marcata progressione dei costi».

Andreas Venditti, della Banca cantonale di Zurigo considera «deludenti» le cifre presentate mercoledì. Uno specialista della Julius Bär osserva che i costi sono aumentati in modo sproporzionato rispetto ai ricavi.

Anche la Borsa ha reagito in modo poco entusiasta alla pubblicazione dei risultati. In mattinata, il titolo del Credit Suisse Group ha perso oltre il 5% rispetto alla chiusura di martedì.

D'altro canto c'è anche chi è meno severo. Per la banca privata Wegelin i risultati non corrispondono alle aspettative, ma queste ultime erano molto alte. Claudia Meier, della banca Vontobel, è del parere che i risultati siano in linea con le previsioni.

Private Banking da record

La banca (la seconda più importante del Paese dopo l'UBS) ha segnato un afflusso netto di nuovi capitali pari a 58,4 miliardi e un rendimento dei fondi propri del 15,4%, si legge in un comunicato diramato mercoledì.

Il segmento più redditizio è stato quello del Private Banking, che nel 2005 ha conseguito un utile record di 2,65 miliardi (+7% rispetto al 2004).

Nel commentare l'attività assicurativa, Grübel ha indicato che «la Winterthur ha compiuto notevoli progressi poiché è riuscita a migliorare il risultato finanziario complessivo e a consolidare la propria performance operativa».

Il Consiglio di amministrazione proporrà all'Assemblea generale degli azionisti del 28 aprile 2006, di portare il dividendo per azione da 1,5 a 2,0 franchi.

Fattori straordinari

Sulle cifre dell'anno scorso hanno pesato fattori straordinari.

Negli ultimi tre mesi dell'anno, l'utile netto è stato decurtato di 421 milioni di franchi in seguito a modifiche sulla contabilizzazione delle rimunerazioni del personale sotto forma di azioni, ha rammentato il CEO.

Si aggiungono, nel secondo trimestre, oneri di 624 milioni nel settore Institutional Securities, sostenuti per accrescere le riserve per affrontare contenziosi legali, più particolarmente la vicenda Enron e i problemi giuridici legati all'indipendenza degli analisti finanziari negli Stati Uniti.

Prospettive

«Il risultato 2005 dimostra che stiamo facendo buoni progressi verso la trasformazione della redditività di base del nostro business. La nuova struttura integrata ci consentirà di incrementare ulteriormente crescita e rendimenti per i nostri azionisti», ha sottolineato Grübel.

Le attuali previsioni del Credit Suisse Group sulla crescita economica globale e sui mercati dei capitali - indica il comunicato - sono positive.

swissinfo e agenzie

Fatti e cifre

5,85 miliardi di franchi, l'utile netto nel 2005
4%, la crescita rispetto al 2004
58,4 miliardi, l'afflusso netto di nuovi capitali
Credit Suisse è presente in oltre 50 paesi
63'000, il numero dei dipendenti

Fine della finestrella

In breve

La banca fu fondata nel 1856 da Alfred Escher, che intendeva farne uno strumento per finanziare l'espansione della rete ferroviaria e dell'industrializzazione in Svizzera.

Oggi, il Credit Suisse, la cui sede è Zurigo, è la seconda maggiore banca svizzera, dietro all'UBS. Le sue azioni sono quotate in Svizzera e a New York.

Ieri, l'UBS ha da parte sua annunciato un utile record di 14 miliardi.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza